Genoa travolto a Pescara: i tifosi abbandonano lo stadio al 41'

Commenti()
Getty Images
Prima del 45', i 200 tifosi arrivati a Pescara se ne sono andati per protesta. La seconda nella stessa gara: anche la curva di casa è rimasta vuota.

6 sconfitte e due pareggi nelle ultime 8 giornate di campionato, una vittoria che non arriva ormai da più di due mesi, una panchina che pare sempre più traballante. Che momentaccio per il Genoa, abbandonato non solo dai risultati, ma anche dai propri tifosi.

Genoa, dov'è finito Brivio?

I circa 200 sostenitori arrivati a Pescara dalla Liguria hanno infatti abbandonato in segno di protesta il proprio settore prima della fine di un primo tempo terribile: 3-0 il risultato a favore dei biancazzurri, a segno grazie a un'autorete di Orban e ai goal di Caprari e Cerri e apparentemente rinvigoriti in due giorni dalla cura Zeman.

Il Genoa ha passeggiato per un tempo intero all'Adriatico, non riuscendo praticamente mai a spaventare la difesa più bucata della Serie A e proseguendo nel proprio momento no. E i tifosi hanno così lasciato lo stadio: al suo posto è rimasto soltanto uno striscione dal titolo "Sguardo assente". Il più indicato possibile.

Ironia della sorte, la protesta dei sostenitori genoani è andata ad aggiungersi nella stessa partita a quella dei pescaresi: come annunciato alla vigilia, la curva di casa è rimasta mestamente vuota in segno di disaccordo nei confronti di tutte le delusioni affrontate in una stagione travagliatissima.

Gli stessi tifosi del Pescara avevano abbandonato anzitempo anche il 'Grande Torino', una settimana fa, al termine di un primo tempo dominato dai granata. Tra domenica scorsa e oggi, si sono persi sei reti biancazzurre.

>

Chiudi