Gattuso applaude il Napoli: "Non ricordo azioni pericolose della Juventus"

Rino Gattuso dopo Juventus-Napoli: "Complimenti ai ragazzi, non posso rimproverare nulla alla squadra. Il rigore di Insigne? Abbiamo perso tutti".

Vince la Juventus, 2-0. Supercoppa a Torino, rimpianti tutti a Napoli. Anche se Rino Gattuso, parlando ai microfoni di 'Rai Sport' al termine della finale di Supercoppa Italiana del Mapei Stadium, dimostra di averne ben pochi.

"Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, anche se con un po' di timore, specialmente nel primo tempo. Faccio i complimenti ai miei ragazzi. Non posso rimproverare nulla alla squadra.

Il rigore di Insigne? Sbagliare un rigore ci sta. Lorenzo non deve avere nessun rammarico. Se oggi abbiamo perso, abbiamo perso tutti".

Per quanto riguarda la partita, sono stati 90 minuti bloccati, con poche occasioni da rete da una parte e dall'altra:

"A livello tattico le due squadre si sono rispettate. È stata una partita a scacchi, si è creato poco. Non è stata una partita tecnicamente perfetta, sia da parte nostra che da parte loro. La gara si è decisa sugli episodi, sicuramente".

Napoli più timoroso rispetto alla finale di Coppa Italia vinta l'anno scorso a Roma? Secondo Gattuso no:

"7 mesi fa la partita è stata più o meno uguale. Anzi, abbiamo sofferto più 7 mesi fa che oggi. Non ricordo azioni pericolose della Juve. Sul primo goal potevamo fare meglio, ma la squadra ha fatto quello che doveva fare. Quando si giocano delle finali ci sta, qualche giocatore la sente più degli altri.

E poi oggi era difficile giocare su questo campo, che non era in bellissime condizioni. Ma questa non è una scusa".

Chiudi