Galliani, addio e sassolini: "Il Condor va in pensione... Romagnoli? Io butto soldi..."

Commenti()
HD Adriano Galliani
Getty Images
Galliani approfitta dell'imminente passaggio di consegne alla guida del Milan per togliersi qualche piccola soddisfazione verso critica e tifosi.

Basta ripercorrere all'indietro sessioni di mercato invernale consegnate ormai alla storia per capire perchè da anni Adriano Galliani è soprannominato (da lui stesso peraltro in primis) il 'Condor', ovvero il rapace che piomba velocissimo sulla preda, magari nelle ultime ore prima del gong.

Tabella infortunati, squalificati e diffidati in Serie A

Il 30 gennaio del 2007 a Milanello arrivava Ronaldo il 'Fenomeno' (e con lui Oddo), nel 2009 e nel 2010 David Beckham, in chiusura di sessione del 2013 Mario Balotelli, e poi come dimenticare la citofonata a Mattia Destro due anni fa, l'accoppiata Cassano-Van Bommel del 2011, l'arrivo di Taarabt nel 2013.

Tutte gesta destinate a rimanere agli atti del calciomercato passato ma non più ripetibili, come annuncia lo stesso Galliani nel post partita del successo sul Cagliari, tra nostalgia e orgoglio: "Stavolta non ci sarà alcun giorno del Condor, che per vari motivi è andato in pensione. Allora erano altri tempi, altre situazioni...",

Ecco la Goal 50: i migliori 50 giocatori al mondo

Spiegazione chiara e ribadita, niente nozze coi fichi secchi: "Cerchiamo solo un attaccante esterno, nient’altro, per Deulofeu tocca all'Everton decidere. Nessun centrocampista centrale, nessun attaccante, tanto meno nessun difensore o portiere.  Per l'ennesima volta ripeto che il mercato a gennaio sarà a zero".

Difficile allora capire se quella su Keita - accostato potentemente ai rossoneri - sia una rivelazione o una battuta: "Ho chiesto all’amico Lotito se me lo regalava ma mi ha risposto con una serie di imprecazioni in romanesco che è meglio non ripeta... Donnarumma? Ha un contratto con noi fino al 2018 e poi siamo fiduciosi nel poterlo trattenere oltre".

Il Condor, però, prima di appendere le penne al chiodo una zampata la piazza, ad uso dei suoi detrattori: "Il signor Paletta è straordinario, è costato un milione e sta facendo un campionato fantastico, è meno considerato di quello che meriterebbe. E Romagnoli nemmeno lo cito, perché io sono uno che butta via il denaro...".

 

Chiudi