Fiorentina, Sousa su Ilicic: "Non è lo stesso della scorsa stagione"

Commenti()
Getty Images
Paulo Sousa parla alla viglia dei quarti di Coppa Italia contro il Napoli: "Loro sono temibili, ma noi vogliamo superare sempre noi stessi".

Dopo un ottimo momento di forma manifestato in campionato, con le vittorie contro Juventus e Chievo Verona, la Fiorentina adesso torna a pensare alla Coppa Italia, dove ad aspettarla è il Napoli nei quarti di finale.

In conferenza stampa, Paulo Sousa ha parlato così: "Per la Fiorentina è importante superare questo turno di Coppa Italia. Ma non è solo un fatto di competizione, la nostra squadra deve cercare sempre di migliorarsi e superare sé stessa".

Il Napoli vola con Insigne, Mertens e Callejon

Sull'avversario di domani Sousa parla così: "Il Napoli è naturalmente una squadra molto forte, ormai da anni. E' stabilmente in Europa e hanno fatto un saggio mercato durante l'estate. Hanno avuto qualche problema in attacco ma adesso hanno trovato la quadratura giusta. Sono temibili".

L'allenatore della Fiorentina parla anche del tema più caldo: "Il mio messaggio è sempre lo stesso sul calciomercato. Io non mi aspetto proprio nulla, lo dico fin dall'inizio. Il nostro direttore sportivo mi ha chiesto un parere sulla squadra a inizio anno e io ho esposto le mie opinioni per migliorare la rosa. Se sono contento di Kalinic? Io sono felice di fare l'allenatore, punto".

La situazione di Ilicic: "Non ha iniziato questa stagione con la stessa determinazione dellao scorso anno. Non in base ai numeri, perché lui è spesso determinante, ma dal punto di vista della convinzione. E' un giocatore che deve essere aiutato, ma io sono un allenatore e devo prendere delle decisioni in certi momenti. Cerco equilibrio. L'anno scorso ci ha dato una grossa mano, quest'anno ha trovato più pali che goal".

Su Hagi: "Già su di lui mi sono espresso. E' un giocatore tecnicamente straordinario. Ha bisogno di crescere in un campionato come quello italiano, ma noi dobbiamo trovare l'equilibrio giusto per la squadra". 

Infine l'allenatore della Fiorentina parla del suo gruppo: "Ho detto sempre che ho avuto la fortuna di raggiungere un buon livello di fiducia da parte dei miei giocatori. Sono stato anche bravo in questo, con la coerenza e la determinazione. Non solo qui alla Fiorentina ma anche nelle mie altre realtà".

 

Chiudi