Fiorentina annichilita: a Firenze scoppia la contestazione

Commenti()
Getty Images
Aria pesante a Firenze dove, dopo la pesantissima sconfitta patita contro il Verona, è scoppiata la contestazione della tifoseria.

Quello che sta vivendo la Fiorentina è un inizio di 2018 disastroso. Dopo essere riuscita a pareggiare in extremis contro l’Inter, la compagine viola, al ritorno in campo dopo la sosta, è incappata in due sconfitte consecutive figlie di prestazioni nemmeno lontanamente accettabili.

Reduce dal 3-1 patito una settimana fa a Genova contro la Sampdoria, la squadra allenata da Stefano Pioli era chiamata ad una pronta reazione contro il Verona, cosa che non è avvenuta. La Fiorentina non solo ha perso contro una compagine in crisi di risultati (quattro sconfitte consecutive), ma l’ha fatto venendo travolta per 4-1 davanti ai propri tifosi.

L'articolo prosegue qui sotto

Dopo il triplice fischio che ha sancito la conclusione del match, all’esterno del Franchi un nutrito gruppo di supporter gigliati (circa 1500), hanno dato vita ad una dura contestazione. Obiettivi dei tanti tifosi riunitisi all’uscita dello stadio la famiglia Della Valle (sia Diego che Andrea Della Valle non si vedono a Firenze da mesi), il presidente Mario Cognigni ed il direttore generale Pantaleo Corvino.

Una delegazione di tifosi ha poi ottenuto un incontro con il vicepresidente Salica, al quale è stato richiesto un incontro in tempi brevi con la società, oltre all’esser stata ribadita la rabbia della tifoseria.

Clima ovviamente non disteso anche all’interno dello spogliatoio, dove c’è stato un confronto durato circa un’ora che ha visto protagonisti i giocatori, lo staff tecnico, Corvino, il direttore sportivo Freitas e lo stesso Salica. Proprio Pantaleo Corvino, ha spiegato: “C’è un clima che non aiuta la squadra, questo anche quando facciamo bene. Oggi non abbiamo visto la solita Fiorentina, chiediamo scusa a tutti. Io ringrazio i tifosi, ma ora non ci sono le condizioni per lavorare con serenità, c’è chi pensa solo a creare un clima difficile”.

Prossimo articolo:
Milan, beffa e danno: squalificato anche Gattuso oltre Kessiè, Calabria e Romagnoli
Prossimo articolo:
Mourinho incorona la sua Inter: "La squadra migliore che ho allenato"
Prossimo articolo:
Coppa Italia 2018/2019: calendario, tabellone, risultati e dove vederla in tv e streaming
Prossimo articolo:
Scontri Inter-Napoli, arrestato il capo della curva nerazzurra Ciccarelli
Prossimo articolo:
Calendario Serie A, girone di ritorno: le partite di Sky e DAZN
Chiudi