Fabregas spiega l'addio al Chelsea: "Jorginho è come un figlio per Sarri"

Commenti()
Getty Images
Cesc Fabregas torna sulla scelta di lasciare il Chelsea a gennaio: "Con Jorginho non potevo giocare... Al Monaco ho sposato un progetto diverso".

Cesc Fabregas, a gennaio, ha deciso di abbandonare il Chelsea per approdare in Ligue 1 al Monaco. E se la destinazione finale è stata sorprendente, non altrettanto si può dire della scelta di lasciare Londra, dove ormai lo spazio era diventato ristrettissimo.

Con DAZN segui la Ligue 1 IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Colpa dell'arrivo estivo di Jorginho, che Maurizio Sarri si è portato da Napoli inducendo il Chelsea a vincere una battaglia a suon di milioni con il Manchester City. Una mossa di mercato che non ha fatto felice Fabregas, come ammesso dallo stesso centrocampista spagnolo in conferenza stampa.

"Avrei anche potuto rinnovare il contratto con il Chelsea, ma poi è arrivato un nuovo allenatore. E si è portato con sé un giocatore che, per lui, era come un figlio".

Jorginho Chelsea 2018-19

Jorginho, appunto. Titolare indiscubile al Napoli, titolare indiscutibile - pur tra alti e bassi - anche al Chelsea. Con buona pace di Fabregas, costretto a cercarsi una nuova squadra.

"Per me era impossibile giocare. E giocare è tutto quello che voglio. Io amo il calcio. Quando giocavo per il Chelsea ero felice. E siccome non potevo dare il mio contributo, qualunque fosse la ragione, ho deciso di sposare un nuovo progetto, un progetto diverso che mi sta dando molte soddisfazioni".

Dopo l'arrivo di Fabregas e il ritorno in panchina di Jardim, il Monaco si è rialzato, vincendo tre partite su quattro nel mese di febbraio e iniziando una lenta risalita che lo ha portato fuori dalla zona retrocessione. E Cesc, come da suo desiderio, è un titolare fisso.

Chiudi