Notizie Risultati Live
PSG

Evra, insulti omofobi e minacce a Rothen: il PSG condanna, lui si scusa

23:04 CET 19/03/19
Patrice Evra
Evra ha utilizzato sui social espressioni che non sono piaciute al PSG. Il club ha emesso un comunicato nei confronti del francese. Che si è scusato.

Continua la polemica a distanza tra il PSG e Patrice Evra, come se non bastasse l'esultanza del francese insieme a Pogba in occasione della vittoria dei Red Devils al Parco dei Principi nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League.

Con DAZN segui la Ligue 1 IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Sempre attraverso i social (Snapchat per la precisione) l'ex Juventus si è così rivolto ai tifosi ed a tutto l'ambiente parigino dopo la delusione europea.

"Qui è Manchester. Smettetela di sostenere le squadre che non vinceranno mai. Noi siamo lo United, vi avremmo battuto anche con la nostra quarta squadra. C'erano dei bambini in campo, quelli che di solito mi pulivano le scarpe. E voi, PSG, siete lì a stendere il tappeto rosso. Siete delle femminucce, al Manchester sono uomini. Siete fro***, fic**".

Il suo ex compagno di squadra al Monaco, Rothen, si è espresso contro Evra a causa dei suoi eccessivi festeggiamenti. Il quale, però, non ha tardato a rispondere a tono.

"La prossima volta che ti vedo Rothen ti darò uno schiaffo in faccia. Ti spaccherò la faccia".

Il PSG ha reagito a tutto questo, pubblicando tramite i propri canali ufficiali un messaggio molto duro nei confronti dei comportamenti di Evra. Non è escluso che la dirigenza possa pensare di adire le vie legali.

"Il PSG condanna fermamente gli insulti omofobi posti in essere da Patrice Evra nei confronti del club, dei suoi rappresentanti e dell'ex giocatore Jerome Rothen. Le sue osservazioni sono state profondamente scioccanti nei confronti del club, che è da sempre impegnato nel promuovere il rispetto nei confronti degli altri. La lotta contro l'omofobia è al centro dei progetti del PSG. Da anni il club è impegnato al fianco di Rouge Direct per combattere l'omofobia e le altre forme di razzismo".

Poco dopo, tramite Twitter, Evra però non ha voluto tardare a fare le proprie scuse ed a chiudere il caso che è stato montato.

"Amo questo gioco e, cosa più importante, amo tutti. Un breve messaggio per spazzare via tutta la confusione che si è creata".