Notizie Risultati
Premier League

Espulsioni a tempo presto realtà? "L'esperimento ha funzionato"

22:32 CET 21/03/18
Red Card
Il presidente del Comitato degli Arbitri della FA, Neale Barry, apre alle espulsioni a tempo: “Verranno certamente introdotte in futuro”.

Nel corso degli ultimi anni, spesso sono state apportate importanti novità regolamentari nel mondo del calcio. In tempi la più importante riguarda certamente il VAR, strumento di ausilio agli arbitri che sta prendendo sempre più piede a livello globale, preso però potrebbe essere introdotto un qualcosa di altrettanto epocale: l’espulsione a tempo.

Ne è convinto il presidente del Comitato degli Arbitri della Federcalcio inglese Neale Barry che, parlando di tale ipotesi, non ha nascosto la sua “totale sicurezza” sul fatto che presto le espulsioni a tempo diventeranno una realtà.

Le ‘sin bins’, così come sono chiamate in Inghilterra, sono già state sperimentate in 32 campionati minori del Nottinghamshire, dopo che la IFAB, ovvero l'International Football Association Board, ha dato il via libera ai test due anni fa e prevedono una sospensione di dieci minuti per i giocatori che si guadagnano un cartellino giallo.

Barry ha spiegato: “Penso che la cosa possa funzionare. La sperimentazione è stata molto positiva e nella stagione 2019/20 la allargheremo ad altre leghe. E’ un qualcosa che certamente verrà introdotto nel futuro, il dibatto è legato più che altro al dove poterlo introdurre”.

Barry ha svelato come grazie alle espulsioni a tempo, in campo siano notevolmente ridotte le proteste e gli scontri tra giocatori: “Noi lavoriamo per rendere più agevole il compito all’arbitro. I giocatori si sentono così più responsabili delle proprie azioni, la speranza è quella che si possa migliorare il calcio. Se un giocatore viene espulso per 10 minuti per aver protestato contro l’arbitro, i suoi compagni non saranno di certo contenti e lo rimprovereranno. E’ così che diminuiranno drasticamente le proteste”.