El Shaarawy ignorato da Mancini: è deluso, ma la Roma pensa al rinnovo

Commenti()
Stephan El Shaaraqy ancora non convocato in azzurro da Roberto Mancini: non l'ha presa bene ma, a consolarlo, c'è l'ipotesi di rinnovo con la Roma.

Nella sua Liguria avrebbe voluto esserci a tutti i costi, a maggior ragione per stare vicino ad un popolo ferito come quello di Genova: Stephan El Shaarawy invece non è stato convocato da Roberto Mancini per le sfide con Ucraina e Polonia, nonostante un inizio di stagione del tutto incoraggiante.

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

A differenza di qualche mese fa, il 'Faraone' infatti il campo lo sta vedendo con regolarità: sette presenze in stagione e due reti in campionato, schierato da Di Francesco sulla sinistra alle spalle di Edin Dzeko in virtù dei problemi fisici che hanno condizionato negativamente Diego Perotti, rimasto ai box.

Nella convocazione El Shaarawy ci sperava eccome, consapevole di aver fatto bene in queste prime gare: secondo quanto riportato da 'Il Corriere dello Sport', da parte sua ci sarebbe forte delusione per la mancata chiamata, proprio per tale motivo.

L'articolo prosegue qui sotto

L'ultima volta che l'ex Milan fu protagonista in azzurro risale al 13 novembre 2017, data della disastrosa eliminazione dell'Italia dai Mondiali: in campo per l'ultima mezz'ora, mossa inutile che non schiodò dallo 0-0 con la Svezia, poi qualificatasi.

Da allora nessun'altra chance ma, a rendere più positivo l'attuale periodo di El Shaarawy, potrebbe essere un'indiscrezione: 'La Gazzetta dello Sport' rivela che la Roma sarebbe intenzionata a prolungargli il contratto in scadenza nel 2020.

Oltre al rinnovo per ulteriori due anni, fino al 2022 dunque, ci sarebbe anche un adeguamento dello stipendio che così passerebbe a circa 2.5-3 milioni a stagione. Una consolazione che aiuterebbe l'italo-egiziano a non pensare al rapporto non idilliaco con la maglia della Nazionale.

Chiudi