Dopo il goal in Champions col Chelsea, Zappacosta ammette: "Volevo crossare"

Commenti()
Getty Images
Al debutto in Champions, Zappacosta ha segnato uno dei goal con cui il Chelsea ha battuto il Qarabag, ma rivela che la fortuna è stata determinante.

Approdato al Chelsea lo scorso 31 agosto, Davide Zappacosta si è subito integrato nella nuova realtà e ieri, al suo debutto in Champions League, è stato decisivo con un gran goal per la vittoria dei Blues contro il Qarabag.

Settanta metri palla al piede sulla fascia destra, per poi scagliare la palla in rete. Un goal che è stato esaltato da tutti, CT azzurro Giampiero Ventura compreso: "Se sono contento per Zappacosta? - ha detto a 'Premium Sport' - Molto, ha fatto un gran goal". Lo stesso calciatore del Chelsea, però, ha rivelato un particolare che a molti è forse sfuggito... "Sul mio goal sono sincero, volevo crossarla - ha spiegato l'esterno ex Torino a 'Uefa.com' - Invece ho colpito la palla con il collo pieno e l'ho vista finire in porta".

Comunque sia arrivato il goal, per Zappacosta la partita di ieri è stata uno step importante per la sua carriera... "Sono contento, è un debutto da sogno per me - ha affermato - Debuttare e fare goal a Stamford Bridge penso sia il sogno di tutti quanti. Sono contento però soprattutto per la vittoria della squadra, abbiamo iniziato bene questo percorso di Champions e dobbiamo continuare cosi".

Dopo la vittoria della Premier League nella scorsa stagione, il Chelsea di Antonio Conte quest'anno sembra avere nella Champions League l'obiettivo principale... "Vogliamo arrivare il più avanti possibile in Champions League - ha spiegato ancora Zappacosta - Stiamo lavorando duramente per cercare di migliorare, passare il turno e vedere quel che succede nella fase successiva".

Una nuova avventura partita benissimo per Zappacosta, fortemente voluto da mister Conte. "Le prime settimane al Chelsea stanno andando molto bene - ha affermato Zappacosta - Ho incontrato un gruppo molto disponibile, composto da grandi campioni che ti danno una mano sotto tutti i punti di vista. Sto lavorando duramente e cercando di capire quel che vuole il mister per introdurmi nel minor tempo possibile nei meccanismi della squadra".

Chiudi