Di Francesco nasconde la Roma: “Scudetto? Non siamo i favoriti”

Commenti()
Getty Images
Eusebio Di Francesco presenta la sfida che la Roma giocherà sul campo della Fiorentina: "Dzeko gioca, Florenzi sarà recuperato, Emerson convocato".

Dopo la bella vittoria in Champions League contro il Chelsea, la Roma è attesa domenica dalla sfida con la Fiorentina, valida per la 12ª giornata di Serie A. Giallorossi reduci da tre vittorie consecutive in campionato, mentre i viola cercano il riscatto dopo il brutto ko di Crotone.

Intervenuto in conferenza stampa, Eusebio Di Francesco frena sulle parole di Monchi che accennava allo Scudetto: "Dobbiamo recuperare il terreno perso, non siamo favoriti, ma vogliamo restare attaccati alle squadre davanti e poi vedremo, siamo lì e con una gara in meno. Mi è piaciuta molto l'intervista del direttore, tranne la foto che non si può guardare (ride, ndr). Dovremo vincere anche domani per tenere questo ritmo".

"Dobbiamo continuare così, ma possiamo migliorare in tante cose. E' un peccato che non possiamo lavorare tutti insieme a causa della nazionale, ma nelle big è così. Sono soddisfatto ma non mi accontento, la partita di domani è delicata. Abbiamo grande consapevolezza ma non deve esserci presunzione. Domani voglio determinazione come contro il Chelsea", ha continuato l'allenatore giallorosso.

Qualche indicazione sui giocatori che scenderanno in campo a Firenze: "Florenzi capitano? Per esserlo deve giocare e non deve giocare De Rossi. Oggi lo valuteremo con Daniele, credo di poterlo recuperare. Se può essere il nuovo Zanetti? Sono simili caratterialmente, ma non tecnicamente. Turnover? Alcuni non recuperano, con il Chelsea è stata davvero dispendiosa, sicuramente cambierò qualcosa. El Shaarawy a destra? Contro l'Inter si diceva che non poteva giocare lì, con il Chelsea ha fatto due goal. Quando un giocatore matura può fare ancora meglio, ma non mi accontento. Emerson sarà convocato per la prima volta, è pronto per andare in panchina".

Di Francesco svela il retroscena di mercato: "Sono stato vicino alla Fiorentina in passato, sono lusingato ma finisce lì. Sono felice di essere qui".

Menzione speciale sul ruolo decisivo di Edin Dzeko: "E' un gran segnale che la squadra segni anche quando non segna lui, sono felice di come si mette a disposizione degli altri. La rete arriverà, sono sicuro a partire da domani. Lui giocherà titolare, gli altri davanti devo valutarli".

In settimana hanno fatto discutere le parole del ct belga su Nainggolan: "Con me fa il 10 da mezz'ala. Dovessi dare delle maglie la 10 la darei a lui ma dipende dai punti di vista. Io ho il mio modulo, presto Radja tornerà a segnare e a fare giocate da 10".

Sul caso Manolas Di Francesco spiega: "Siamo rimasti un po' indietro, ma i furbi ci sono anche all'estero. Non ho visto quanto fosse intenzionale l'ammonizione, queste cose succedevano anche da noi".

Chiudi