De Laurentiis tuona: "In Champions voglio far giocare il Napoli a Bari"

Commenti()
De Laurentiis svela l'idea: "Partite Champions del Napoli a Bari". Poi punge: "Tutti vogliono vincere subito, ma anche CR7 non ha ancora segnato...".

Come in quasi tutte le sue interviste, Aurelio De Laurentiis dà spettacolo e lancia almeno due, tre titoli buoni. Il presidente del Napoli si trova a Spalato, dove ha rappresentato la squadra all'assemblea dell'ECA. È stata appunto l'occasione per un'intervista ai microfoni del 'Corriere dello Sport'. 

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

De Laurentiis comincia parlando della questione stadio e delle polemiche con il Comune: "Non faccio più storie e mi costruisco un mio stadio. Punto e basta. Non si può più andare avanti così. Serviranno due anni, nessuno può dirti niente se metti i soldi tuoi e hai i terreni che sono utilizzabili per costruirci un impianto. Se ci sono queste condizioni può esserci un’accelerazione fortissima".

Poi lancia la soluzione: "Nel frattempo ho chiesto all’UEFA l’autorizzazione a disputare le partite di Champions a Bari. A costo di pagare di tasca mia 1.000 pullman e di consentire ai napoletani di assistere alle gare al San Nicola. É un signor stadio, Certi giocatori, quando l’hanno visto per la prima volta, se ne volevano andare da Napoli".

L'articolo prosegue qui sotto

Non mancano nemmeno gli elogi ad Ancelotti: "Credo molto in lui e per questo l’ho fortemente voluto. Da parte mia non avrà mai una sollecitazione e aspetterò sereno e tranquillo qualunque cosa accada. Sono più che garantito dalla sua personalità e dalle sue capacità. Ormai voglio stare tutta la vita con lui (sorride, ndr), gli ho dato in mano le chiavi del Napoli".

De Laurentiis rivela anche un accordo con Lorenzo Insigne: "Lui non ha una vera e propria clausola rescissoria, ma più 'simbolica'. Con Raiola abbiamo stabilito che se arriva un’offerta da 200 milioni, lo vendiamo. Non è un accordo scritto, ma verbale".

Interpellato da 'Sky', invece, il patron azzurro sottolinea: "C'è grande fibrillazione, tutti vogliono vincere e subito. Anche Cristiano Ronaldo alla Juve non ha ancora fatto goal. Nella seconda parte del campionato si possono fare tanti recuperi".

Chiudi