Notizie Risultati Live
Europa League

Zenit, parla Criscito: "In Nazionale mi hanno rubato ciò che mi spettava, ma sogno Russia 2018"

10:37 CEST 30/07/17
Domenico Criscito Zenit
Criscito: "Mancini mi ha convinto a restare allo Zenit. Nonostante Ventura sogno ancora Russia 2018. Italia, mi hai tolto ciò che mi spettava".

Domenico Criscito è oramai una istituzione dello Zenit San Pietroburgo. Il difensore italiano, al suo sesto anno in Russia, si appresta a vivere una stagione da protagonista con la fascia di capitano addosso, consegnatagli dal nuovo tecnico Roberto Mancini.

E' stato proprio il tecnico italiano, come sottolineato dal diretto interessato ai taccuni di Tuttosport, a convincerlo a restare. "Sono molto contento sia per la vittoria che per il goal, non capita spesso essendo un difensore di poter segnare, a maggior ragione in Europa. Ringrazio Mancini per avermi dato la fascia di capitano della squadra, è una cosa che mi responsabilizza. Darò sempre il massimo, anche perchè prima di me questa fascia la indossava Danny, ora allo Slavia, che è come un fratello per me".

Il su sogno, però, è quello di tornare prima o poi a vestire la maglia del Genoa. "Sono molto contento dell'arrivo di Mancini, ha portato carisma e competenza. Mi voleva ai tempi della sua seconda esperienza all'Inter, ma poi alla fine dopo un lungo corteggiamento non se ne fece nulla. Devo confessare che quando è arrivato, dopo 5 anni in Russia, avevo pensato di andare via e di tornare a Genova che considero la mia casa.

Mancio però mi ha preso da parte, mi ha detto che non dovevo andare da nessuna parte. Affronto con grande entusiasmo il mio ultimo anno di contratto qui, da un lato con la voglia di tornare sempre a vestire il rossoblù, dall'altro lato attento a quello che eventualmente dovesse propormi il club in termini di rinnovo".

Difficile, per ragioni spiegate dal CT italiano Ventura, vederlo in Russia con la maglia della nazionale azzurra la prossima estate. "So bene che sarà difficile far parte del gruppo azzurro con Ventura come Ct. Ha più volte affermato di non considerare la Russian Premier League un campionato vero. Io però faccio notare che l'UEFA ha concesso alla Russia un posto in più in Champions League, segno che il calcio russo è in crescita. Spero comunque di fare così bene sia in Russia che in Europa con lo Zenit in maniera tale che chi di dovere possa buttare un occhio anche a queste latitudini".

A causa di quel presunto coinvolgimento (poi totalmente escluso) nell'ambito del calcioscommesse, ha perso l'occasione di partecipare sia ad Euro 2012 che a Brasile 2014: "Anche se in Nazionale, anche se con l’Italia mi hanno tolto, mi hanno rubato tutto quello che mi spettava, che mi ero conquistato con enorme fatica, lavoro costante e grande applicazione, io continuo ad andare avanti. Sempre avanti. A testa alta, anzi altissima. E, tranquilli, non rinnego nulla".