Coppa Italia, il Milan rilancia Kalinic: titolare contro la Lazio

Commenti()
Getty Images
Gattuso ha intenzione di schierare Kalinic dal 1' nella semifinale di ritorno contro la Lazio, il croato giocherà al posto di Cutrone.

La grande occasione è arrivata. Dopo più di un mese ai margini, un po' per scelta tecnica e un po' per qualche problema fisico, Nikola Kalinic torna al centro dell'attacco del Milan e lo fa in una partita da dentro o fuori come la semifinale di Coppa Italia contro la Lazio. Partita che aveva già giocato all'andata, a dire la verità senza brillare.

Gattuso infatti ha deciso di rilanciare l'attaccante croato la cui ultima gara da titolare in campionato invece risale addirittura allo scorso 21 gennaio contro il Cagliari.

Il bello spezzone giocato a Roma, quando nel finale Kalinic ha servito l'assist per il raddoppio di Calabria, ha evidentemente convinto Gattuso a condere un'altra chance al croato che stavolta all'Olimpico partirà dall'inizio.

Kalinic Milan Serie A

Kalinic peraltro dovrebbe essere l'unica deroga concesa da Gattuso alla legge dei titolarissimi dato che, per il resto, il tecnico contro la Lazio sembra intenzionato a confermare la squadra che domenica sera ha battuto la Roma.

Adesso insomma toccherà a Kalinic, che sostituirà il bomber Cutrone, rispondere presente alla chiamata di Gattuso e magari cercare di metterlo in difficoltà nelle scelte in vista di un rush finale in cui tra campionato ed Europa League ci sarà bisogno di tutti.

La cosa certa è che fino ad ora, come raccontano i numeri, la prima stagione di Kalinic al Milan è stata piuttosto deludente con appena 4 goal segnati in 26 presenze.

Nonostante questo però sia Gattuso che il Milan intendono difendere l'investimento fatto solo qualche mese fa per strappare Kalinic alla Fiorentina e in tal senso Fassone qualche giorno fa è stato chiaro: 

"Ha avuto un’estate tribolata e si è allenato poco. Nelle ultime prestazioni, nonostante gli infortuni, è stato recuperato. Crediamo molto in Nikola nonostante l’esplosione di Cutrone". Ora tocca a Kalinic, insomma.

Chiudi