Conte spinge l'Italia ad Euro 2016: “Voglio la qualificazione, il contratto non è una priorità”

Commenti()
Il Ct Antonio Conte è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della partita che gli azzurri giocheranno contro l'Azerbaigian: "Mi aspetto una squadra determinata".

L'Italia è chiamata al 'match-point' nelle qualificazioni ad Euro 2016 nella trasferta di Baku, dove l'ostacolo Azerbaigian si presenta come una ghiotta occasione per chiudere i conti e staccare il biglietto per la Francia.

Il commissario tecnico Antonio Conte è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della gara, mostrandosi ottimista sulla condizione del gruppo azzurro: " Sono soddisfatto del lavoro svolto fin qui, mi aspetto un'Italia determinata in tutte le fasi. Siamo consapevoli della forza dei nostri avversari".

Brutta defezione dell'ultim'ora per il tecnico salentino, che dovrà fare a meno di Andrea Pirlo a causa di un problema muscolare : "Dispiace molto ma Pirlo non ci sarà a causa di una contrattura all'adduttore. Ha fatto un movimento strano e non sarà della partita. Spero possa recuperare per la gara con la Norvegia, perchè è un giocatore che dà tanto, sia dentro che fuori dal campo".

Conte non rivela certezze tattiche e non annuncia nessun titolare : "Sceglierò gli interpreti in base al modulo che schiererò. Dobbiamo comunque ottenere subito la qualificazione, perchè cercarla all'ultima partita è sempre pericoloso".

L'articolo prosegue qui sotto

Nessuna urgenza per la questione contratto, nonostante il presidente Tavecchio abbia manifestato la volontà di prolungare il rapporto con la panchina azzurra : "Ad oggi il contratto non è una priorità, lo è invece qualificarsi, poi giocare l'Europeo in maniera bella. Ringrazio il presidente per le belle parole, significa che viene apprezzato il lavoro che faccio, ma ci sarà il momento di parlarne".

Curioso siparietto con un cronista azero, che ricorda al ct azzurro come l'Italia non perda da ben 48 partite nelle qualificazioni. La risposta di Conte scatena le risate generali: il tecnico tira fuori tutta la sua scaramanzia e si tocca le 'parti basse'.

Chiudi