City, Nolito non ne può più di Manchester: "Che tempaccio..."

Commenti()
Getty
Al Manchester City dal 2016, Nolito non vede l'ora di andarsene: "Gioco troppo poco. E sembra che mia figlia sia vissuta in una grotta...".

Voluto da Pep Guardiola, spagnolo come lui e come lui con un passato al Barcellona, Nolito si sarebbe atteso una stagione d'esordio diversa al Manchester City. E invece, i numeri dicono tutto il contrario: sono appena 775 i minuti disputati in Premier League, con 4 reti. Poco.

E adesso, mentre l'ex Celta attende di capire dove giocherà il prossimo anno, è il momento di sfogarsi. Contro il City, ma non solo: nel mirino di Nolito ci sono anche le famigerate condizioni climatiche di Manchester, il freddo e la pioggia che negli anni della permanenza in blue di Mario Balotelli avevano fatto sbottare anche l'attaccante italiano.

"Il viso di mia figlia ha cambiato colore da quando siamo arrivati qui - dice senza troppi giri di parole Nolito, intervenuto su 'Radio Onda Cero' - Sembra che in tutti questi mesi sia stata dentro a una grotta...".

E la lingua inglese? Altro problema non da poco a sfavorirne l'ambientamento: "Ho imparato poche, pochissime parole: solo 'domani', 'buongiorno', 'buon pomeriggio' e poco altro".

"Sono sotto contratto, quindi a decidere sarà il Manchester City - continua Nolito - ma voglio andare via. Non biasimo Guardiola, ha avuto le sue ragioni nel non farmi giocare, ma negli ultimi sei mesi non sono mai sceso in campo. Voglio andare ai Mondiali con la Spagna".

Chiudi