Chiellini avverte: "Non è la Juventus la favorita in Champions"

Ultimo aggiornamento
Commenti()
Giorgio Chiellini parla del ko con lo United, ma guarda già oltre: "Era nell'aria, ora basta errori". Domenica sfiderà Higuain: "Ci ha dato molto".

Domenica sera a San Siro si gioca un posticipo sempre intrigante come Milan-Juventus. I bianconeri sono reduci dal passo falso dell’Allianz Stadium contro il Manchester United. Il 2-1 subito dai Red Devils è stata la prima sconfitta stagionale per gli uomini di Allegri, ancora padroni del proprio destino in Champions League. Come sottolineato dal capitano juventino Giorgio Chiellini, la sconfitta contro la squadra di Mourinho era nell’aria.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

“Contro il Manchester United abbiamo avuto tante occasioni per  fare il secondo  goal - le parole del centrale bianconero, intervistato da 'Tuttosport' - Siamo stati in controllo totale della partita per 85 minuti. Avremmo dovuto chiudere il discorso qualificazione. Va bene, questa sconfitta non compromette nulla: siamo sempre padroni del nostro destino. E torniamo con i piedi più saldi a terra. Dal pareggio regalato al Genoa passando per i successi sofferti su Empoli e Cagliari: erano partite in cui la squadra stava scherzando con il fuoco”.

Disattenzioni e cali di tensione che secondo Chiellini sono portati anche dall’entusiasmo e dall’attesa che circolano intorno alla Juventus quest’anno. “L’ambiente esterno spesso può fuorviare. La verità è che abbiamo di fronte una sfida lunga, dura ed estenuante in campionato e in Champions League. Non abbiamo vinto niente. Ci vogliono far credere che sia tutto facile, ma in Italia e in Europa ci sono avversarie molto temibili. Non siamo noi i favoriti in Champions: noi siamo una delle 4-5 squadre che possono ambire ad arrivare fino in fondo. Continuando a vincere, può succedere che la soglia di attenzione s’abbassi. Negli ultimi sette anni è sempre stato così. Lo schiaffo di mercoledì ci servirà da lezione per capire come funziona il calcio".

Ora si ritorna al campionato, dove i giochi sono tutt’altro che chiusi. Merito delle squadre di Spalletti e Ancelotti, seconde a -6 dalla Juve e pronte ad approfittare di ogni passo falso dei bianconeri. “Con Inter e Napoli che continuano a vincere il campionato è apertissimo. Questo vuol dire che non possiamo permetterci di commettere errori. Ci siamo già giocati un jolly, da domenica bisogna assolutamente ripartire".

Per la sfida di domenica sera, il Milan sta provando a recuperare il proprio centravanti titolare, nonché grande ex della sfida: Gonzalo Higuain. Attaccante che tanto bene ha fatto negli ultimi due anni alla Juventus, e che Chiellini ricorda con piacere, umanamente e professionalmente. “Gonzalo è stato una persona eccezionale. Mi ha sorpreso non per la quantità di goal che segna, ma per la generosità e dalla bontà. Ha dato tanto a noi e noi gli abbiamo dato tanto. E’ un centravanti formidabile: ti garantisce trenta gol all’anno. Dovremo stare attenti in area, negli ultimi venti metri è quasi immarcabile. Lo conosciamo, dovremo limitarlo”.

Prossimo articolo:
Il Kosovo domina in Nations League: l'Europeo non è utopia
Prossimo articolo:
Classifica marcatori Nations League
Prossimo articolo:
Calendario Nations League: dove vedere le partite in tv e streaming
Prossimo articolo:
Tifoso del Leicester fa invasione per confortare il figlio di Vichai: bandito tre mesi
Prossimo articolo:
Chi è Georgina Rodriguez, la fidanzata di Cristiano Ronaldo
Chiudi