Notizie Risultati Live
Serie A

Che bell'Asamoah: il ghanese della Juventus promosso da terzino

09:30 CET 09/01/17
Asamoah Juventus
Senza Alex Sandro ed Evra, Allegri si è affidato a Kwadwo Asamoah col Bologna avendo ottime risposte. E se la Juventus non tornasse sul mercato?

Premessa: se Kwadwo Asamoah fornisse garanzie fisiche, e qui entra in ballo quanto proposto dal ghanese nel periodo contiano, dubbi sulla bontà totale della corsia mancina non ce ne sarebbero. Alex Sandro imprescindibile, il 28enne di Kumasi a dare affidabilità e qualità. Difficile scovare in Europa un altro club che possa vantare due interpreti di tale caratura. Juventus, indubbiamente, privilegiata.

Ma Asamoah, avendo maturato nel passato biennio rispettivamente 10 e 13 presenze, raffigura costantemente la massima delicatezza. Il gesto di rinunciare spontaneamente alla Coppa d'Africa è stato molto apprezzato in corso Galileo Ferraris e, anche per questo motivo, l'imminente addio di Patrice Evra presso le stanze segrete zebrate viene vissuto con serenità.

Juventus da record: 26 vittorie consecutive in casa

L'ex Udinese, a suo agio come laterale a sinistra, può ancora dare molto alla causa. E, al di là della sfortuna, il profilo dal punto di vista tattico viene ben visto da Massimiliano Allegri, il quale lo ha anche utilizzato come mezz'ala. Ma per sposare i dettami legati al centrocampo imposti dal tecnico livornese – alla base di tutto – servono tempi di gioco. Fondamentale in cui, essendo uomo di corsa, Asamoah difetta.

Serviva una prestazione rassicurante per spegnere le voci in chiave mercato e, dal canto suo, Asamoah ha risposto “presente” ottenendo un voto alto in pagella. Contro il Bologna l'impegno non è stato dei più complessi, partita immediatamente in discesa, ma anche atleticamente urgevano delle risposte e sono arrivate senza diritto di replica. Semaforo verde per coprire fino a giugno le spalle di Alex Sandro, dopodiché a giugno si valuterà il futuro, anche perché il contratto non è dei più lunghi essendo in scadenza nel 2018.

Da capire come Allegri vorrà decidere di gestire la lista Champions League: in ingresso Rincon e Lichtsteiner, pressoché sicuro escluso Hernanes, il quale le valigie le ha fatte da un bel pezzo e la permanenza nel capoluogo piemontese rimane un'incognita. Asamoah, in questo quadro, dovrebbe dire la sua nell'Europa che conta anche nella seconda parte di stagione, in quanto profilo duttile.

L'a.d. Beppe Marotta opera in particolar modo in vista della prossima annata. Resiste l'opzione Sead Kolasinac, in scadenza di contratto con lo Schalke 04, osservato ripetutamente in prima persona dal diesse bianconero, Fabio Paratici, pronto a compiere il balzo decisivo. Difficile che il matrimonio possa andare in scena nella finestra corrente, i tedeschi non appaiono propensi a trattare, ma anche nelle ultime ore sarebbero andati in scena nuovi contatti positivi tra la Juventus e l'entourage del diretto interessato.

Dalle parti di Vinovo, si sa, il made in Italy non passa mai di moda. E non è un caso che Mattia De Sciglio del Milan e Matteo Darmian del Manchester United siano presenti nella lista marottiana. Mentre l'idea Adam Masina del Bologna, fresco di contributo proposto allo 'Stadium', al momento non starebbe intrigando oltremisura i pensieri dei vertici zebrati.

Alla fine della fiera, dunque, l'attualità vota Asamoah. Il ghanese, tornato alle origini, s'è calato perfettamente nella parte. La Juventus potrebbe decidere di azzardare, ovvero di rimanere così, per poi a bocce ferme intervenire con calma. Giochi aperti.