Notizie Risultati
Serie A

Castan riparte dal Cagliari: "Sognavo di morire, ora lotto per i miei nuovi tifosi"

13:22 CET 17/01/18
Leandro Castan Roma
Rinforzo in difesa del Cagliari, Castan vuole lasciare il segno: "Non smetterò di lottare fino a quando non tornerò quello di prima".

Due stagioni a Roma e la sicurezza di essere uno dei centrali più forti del campionato. Poi la caduta. Cavernoma, intervento chirurgico, la ripresa. Il prestito al Torino e ora la cessione, sempre a titolo temporaneo, al Cagliari: Leandro Castan vuole rinascere.

Ceduto Capuano, Lopez ha voluto a tutti i costi il difensore brasiliano per aggiungere esperienza alla sua retroguardia. Castan è stato consigliato da Nainggolan, che in Sardegna ha vissuto anni grandiosi: ora tocca al centrale.

"Non smetterò di lottare fin quando non tornerò il Castan di prima" ha raccontato il brasiliano a 'L'Unione Sarda'. "Ora sono un uomo più forte, se avessi smesso sarei stato un codardo. Ora invece lotto, gioco a pallone e do l’esempio di non mollare mai".

Non solo l'addio al pallone, Castan ha avuto pensieri ancor più negativi: "Volevo andare in Brasile e lasciare l'Italia, poi vidi una partita in tv e decisi di operarmi, mentre l'allora ds della Roma non voleva lasciarmi partire. Sognavo di essere morto, ma ora quei momenti sono la mia forza".

Castan vuole far parte nuovamente di qualcosa di grande: "Il vero Castan è quello che avete visto a Torino, il mio obiettivo è far felice i tifosi del Cagliari giocando con continuità. Questa città è decisamente più bello rispetto a Jaú, dove sono nato io".

Contro il Milan, Lopez dovrebbe confermare il trio Romagna-Ceppitelli-Pisacane, poi spazio a Castan: "Deve un po' ritrovare la sua maturità sul campo, ma questo lo vedremo fin dalle prossime giornate" ha evidenziato il tecnico del Cagliari. Nuova rinascita.