Notizie Risultati Live
Liga

Caso Zozulya, la FIFA dice sì al ritorno al Dnipro: ma c'è un altro ostacolo...

12:30 CET 14/02/17
Zozulya
Caso Zozulya, la FIFA autorizza il ritorno al Dnipro del giocatore: ma gli ucraini non possono fare calciomercato. Si cerca un escamotage.

Continua a tenere banco il caso relativo al giocatore ucraino Zozulya. Ceduto dal Betis Siviglia al Rayo Vallecano, Roman avrebbe voluto fare marcia indietro in quanto non gradito ai tifosi della terza squadra di Madrid per le sue idee di estrema destra.

La chiusura della finestra di mercato e le regole della Liga spagnola non hanno però permesso al giocatore di fare marcia indietro, facendolo così restare intrappolato fino al prossimo giugno al Rayo, dove però in realtà non si è mai allenato con quelli che avrebbero dovuto essere i suoi compagni di squadra.

Ed è per questo motivo che il Betis, nel tentativo di trovare comunque una sistemazione al giocatore (che si sta allenando ancora con la compagine spagnola), ha proposto di farlo tornare alla squadra dalla quale lo ha prelevato in estate, il Dnipro.

La FIFA, secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo, ha autorizzato questa operazione, evitando in questo modo di infrangere la regola secondo la quale un giocatore non può indossare tre maglie diverse nel corso di una sola stagione. C'è però un altro problema: al momento la squadra ucraina deve scontare una sanzione che non gli permette di fare mercato, nonostante la sessione sia aperta fino alla fine di febbraio.

In questo momento gli agenti di Zozulya sono al lavoro per cercare di trovare una soluzione con la federazione ucraina. Soluzione che potrà permettere al giocatore di continuare la sua professione e di non restare fermo fino alla prossima estate.