Notizie Risultati Live
Calciomercato

Calciomercato Napoli, De Laurentiis chiama Cavani: "Porte aperte, se si riduce l'ingaggio"

11:40 CEST 24/10/18
Edinson Cavani Napoli
Stasera il Napoli ritrova Cavani, con De Laurentiis che gli manda un chiaro messaggio: "Dipende da lui, le porte sono sempre aperte".

E' stato il grande sogno estivo del Napoli. O meglio, dei suoi tifosi, visto e considerando come il patron Aurelio De Laurentiis non abbia mininamente aperto al ritorno dell'idolo uruguagio. Edinson Cavani è utopia per gli azzurri, considerando il ricchissimo stipendio percepito a Parigi.

Con DAZN segui il PSG di Cavani e la Ligue 1 in esclusiva: attiva ora il tuo mese gratuito

Il PSG ha in Cavani il proprio centravanti titolari, seppur non un giocatore intoccabile alla pari di Neymar e Mbappé. Si continuerà a parlare di un eventuale ritorno del giocatore a Napoli ancora a lungo, sopratutto perchè ora De Laurentiis tiene la porta aperta. Ma solamente alle condizioni azzurre.

"A Parigi ci sono molte cose, ma il clima non è eccezionale come a Napoli" le dichiarazioni di De Laurentiis a Le Parisien. "Un messaggio per Cavani? Dipende solo da lui. Le porte del Napoli sono sempre aperte. Io non sono qatariota, se non vuole giocare per il PSG e riduce il suo stipendio, troveremo un accordo".

"Nessuno vuole trattenere un giocatore di questa importanza insoddisfatto" ha continuato De Laurentiis riguardo Cavani. "Non ha più 24 anni, ma è quasi impossibile per lui farsi male, è elastico. Può giocare fino a 38 anni”.

Proprio riguardo al PSG, De Laurentiis non ha risparmiato una stilettata nei confronti del club di Tuchel: "Non hanno problemi economici. Se hanno un bilancio in rosso, come un prestigiatore lo fanno diventare bianco. Per me il calcio non è un modo per fare altri investimenti, come per il Qatar. Con i russi, i qatarioti, gli arabi e forse i cinesi in futuro, è molto facile nascondere i finanziamenti. 

"Se i qatarioti sponsorizzano il PSG via Qatar Airways con 100 milioni di euro sulla maglia, nessuno dice nulla. In Italia, ci sono almeno quattro squadre che non dovrebbero giocare, perché sono piene di debiti ... Dovrei fare un'indagine, ma non è compito mio".

Il PSG ha per ora il record di spera per un singolo giocatore, visti i 222 milioni pagati al Barcellona per portare a Parigi Neymar grazie alla clausola rescissoria: "Non è solo un prezzo volgare, ma una questione di rottura del mercato. Se qualcuno viene valutato a 180 o 200 milioni, posso dire che Koulibaly, che è il miglior difensore in Europa, lo valuteremo tra 150 e 200 milioni ... Ma non è in vendita". Meglio metterlo in chiaro.