Calciomercato Milan, Raiola: "In 11 su Donnarumma, non è uno schiavo"

Commenti()
Getty Images
Mino Raiola fa il punto sul 'rebus' Donnarumma: "Su di lui 11 top club, non è uno schiavo. Può sia rinnovare che lasciare il Milan".

Che ne sarà di Gianluigi Donnarumma? Per provare a capirlo parola a Mino Raiola, il quale fa quadrato attorno ad una delle 'telenovele' più calde di un mercato che ancora deve aprirsi e già ribolle con protagonista il portiere del Milan.

Dalle colonne del 'Corriere dello Sport', l'agente del talento partenopeo chiarisce: "Gigio è il Maradona dei portieri. Può solo crescere e bisogna lasciarlo crescere in pace. Non è uno schiavo e nemmeno un robot. Ci sono undici top club che si interessano a lui".

PS Raiola su Donnarumma

"Il concetto è chiaro - prosegue Raiola - Il contratto di Donnarumma scadrà il 30 giugno 2018. Io non ho mai detto a Fassone e a Mirabelli: o firmiamo adesso o non firmiamo più. Se fossimo voluto andare altrove, l’avremmo già fatto. Fassone e Mirabelli si sono insediati poco più di un mese fa. Lasciamoli lavorare in pace. Io mi assumo tutte le responsabilità sulla scelta definitiva che faremo. C’è possibilità che Donnarumma firmi ancora per il Milan? La risposta è sì. C’è possibilità che Donnarumma lasci il Milan? La risposta è sì".

Il procuratore di Gigio, infine, lancia un messaggio a Montella: "Io non faccio l’allenatore e lui non fa il procuratore. Può dare consigli a Gianluigi, può volergli bene, ma preferisco gli dia consigli su come non prendere goal. Gli altri glieli do io. E non dimentichi che Gigio al Milan l’ho portato io, soffiandolo all’Inter. Dicono: Donnarumma deve essere riconoscente al Milan. E’ vero, ma anche il Milan deve essere riconoscente a Donnarumma. E a Mihajlovic".

Chiudi