Calciomercato Milan, Ozil ipotesi che divide: Gazidis non è convinto

Commenti()
Getty Images
Accostato al Milan, Ozil non sembra destinato a vestire la maglia rossonera: piace a Leonardo e Maldini, ma non rientra nei piani della proprietà.

E’ considerato uno dei giocatori più talentuosi dell’intero panorama calcistico europeo e, nelle ultime ore, il suo nome è stato accostato con sempre maggiore insistenza a quello del Milan.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Mesut Ozil è uno di quei giocatori che, dal punto di vista tecnico, farebbero più che comodo a Rino Gattuso ed alla compagine meneghina, a quanto pare però il suo approdo all’ombra del Duomo è al momento da escludere.

Come riportato dal Corriere dello Sport, il fantasista tedesco, che non rientra più nei piani dell’Arsenal, è stato proposto in prestito al Milan, ma all’interno della dirigenza rossonera c’è chi come Gazidis (che conosce bene Ozil dai tempi in cui era ai Gunners) ritiene che non sia il giocatore adatto per il nuovo percorso che è stato intrapreso.

L'articolo prosegue qui sotto

Ozil piace molto a Paolo Maldini, il quale è convinto che possa rappresentare un innesto importante soprattutto nel caso in cui il Lipsia dovesse tornare alla carica per Calhanoglu, il pensiero dell’ex capitano rossonero va però a scontrarsi con quello del nuovo amministratore delegato.

Secondo Maldini, ma anche secondo Leonardo, questo Milan ha bisogno di giocatori d’esperienza che siano anche abituati a vincere, Gazidis e la proprietà hanno però deciso di intraprendere una strada diversa. La nuova linea guida è quella di prendere giocatori giovani, con un età che si aggiri al massimo sui 25-26 anni, che abbiano ingaggi medio-bassi e che grazie ad un percorso di crescita possano in futuro garantire degli ottimi introiti.

Ozil, che ha 30 anni e guadagna moltissimo, non rientra ovviamente in questa categoria di giocatori e il suo profilo ha messo in evidenza quelle che al momento sono le differenze di vedute tra l’area tecnica della società e quella economica. In futuro andrà quindi trovato un equilibrio, al fine di evitare possibili fratture.

Chiudi