Notizie Risultati
Calciomercato

Calciomercato Milan, Milinkovic-Savic in prestito oneroso: Leonardo non molla

10:41 CEST 12/08/18
Sergej Milinkovic-Savic celebrating Torino Lazio Serie A 04282018
A pochi giorni dal gong del mercato di Serie A, Milinkovic-Savic resta nel mirino di Milan e Juventus: Leonardo può dare Bonaventura, Borini e soldi.

Oggi Sergej Milinkovic-Savic giocherà con la Lazio l'ultima amichevole precampionato della squadra di Inzaghi, impegnata in Germania contro il Borussia Dortmund, ma intorno al gioiello serbo le sirene di calciomercato non hanno assolutamente smesso di cantare.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

I tempi sono sempre più stretti, visto che il calciomercato in Serie A chiuderà venerdì prossimo, ma da Milinkovic-Savic non hanno mai tolto gli occhi la Juventus, che tuttavia alla fine dovrebbe tenere Pjanic non innescando il domino in entrata e uscita, e soprattutto il Milan, che a dispetto delle smentite di Leonardo continua a correre per cercare di mettere assieme l'offerta giusta per convincere Lotito.

Correre per cedere, in primis, e così mettere assieme un 'tesoretto', considerando anche gli ingaggi risparmiati: Bonucci, Kalinic, André Silva, Gustavo Gomez e Antonelli sono già andati via, prossimi all'addio sono i vari Locatelli, Zapata, Bertolacci, Mauri, Montolivo e Gabriel, senza considerare le situazioni ancora fluide di Bacca, Suso e Rodriguez.

A quel punto, svela 'Tuttosport', Leonardo potrebbe mettere sul piatto della Lazio un prestito molto oneroso (15-20 milioni, tale da poter rispettare i paletti del Fair Play Finanziario per questa sessione), più i cartellini di un paio di giocatori: Bonaventura (valutato 25 milioni) e Borini (8 milioni). Tra un anno poi il Milan verserebbe la sessantina di milioni mancanti per raggiungere la valutazione data da Lotito a Milinkovic-Savic, ovvero 120 milioni.

Intanto il serbo, nelle parole di Leonardo, è passato da "sogno" a "difficile", e lo stesso Leonardo non ha seguito la squadra a Madrid per il Trofeo Bernabeu, restando a Milano a lavorare...