Calciomercato, l'Ostiamare sogna De Rossi: "Non è un'idea così distante"

Commenti()
Getty Images
Il presidente dell'Ostiamare apre le porte a Daniele De Rossi: "Quando vorrà smettere con il calcio professionistico noi siamo aperti".

Un addio amaro quello di Daniele De Rossi alla Roma: una separazione dolorosa per la bandiera giallorossa, che sperava in una proposta diversa dalla società che lo ha cresciuto. Il presidente dell'Ostiamare, club in cui è nato calcisticamente il classe '83, ha aperto a un suggestivo ritorno.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Intervenuto ai microfoni di 'Radio Cusano Campus', il patron Luigi Lardone spiega come l'idea De Rossi possa essere più di un sogno:

"Che Daniele De Rossi possa tornare, alla base, all’Ostiamare, non è un’idea così distante, per l’amore che ha Daniele per quella che definiamo una città nella città, e viceversa, che ha Ostia per lui. Qualche anno fa, due o tre, in un’intervista al Corriere dello Sport, De Rossi disse che in Italia avrebbe giocato solo nell’Ostiamare, in alternativa alla Roma”.

Secondo il presidente dell'Ostiamare il fattore economico passa in secondo piano, la porta è sempre aperta:

"L’aspetto economico non ha alcun senso, è solo questione di passione. Il giorno che deciderà di smettere con il calcio professionistico, e volesse accedere ad una vita più tranquilla, noi siamo aperti. Possiamo garantire un abbonamento ai migliori ristoranti di Ostia".

Il patron commenta poi la gestione della Roma sul caso De Rossi:

"Ho difficoltà a pensare che non abbiano una capacità di comunicazione migliore. Mi sembra strano che gli abbiano detto martedì se volesse rinnovare. Lui è un giocatore a cui si chiede “quanti anni vuoi di contratto? Uno, due?”. Glielo dici prima: così, si fanno le cose. Difficile, però, parlare dal di fuori. Futuro all'Inter? Non credo vada in un’altra squadra italiana, per rispetto della Roma".

Chiudi