Calciomercato Juventus, Romero ha le idee chiare: "Sogno la Champions, ma voglio giocare"

Commenti()
Getty Images
Il difensore del Genoa al 'Corriere dello Sport' non si è sbilanciato sulla Juventus e ha rivelato: "CR7? No, Belotti l'avversario più difficile".

Cristian Romero è sicuramente tra le sorprese più grand di questa stagione di Serie A. Il difensore del Genoa è ormai un promesso sposo della Juventus, al netti di clamorosi ribaltoni. Intanto lui si confessa ai microfoni del 'Corriere dello Sport', ma senza sbilanciarsi mai sul futuro in bianconero. Com'è normale che sia...

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

"La Juventus mi ha già prenotato? Non lo so... Io non mi occupo di mercato e il mio primo pensiero è il Genova. Al termine del campionato mancano tante partite e voglio continuare a giocare così, poi parlerò con dirigenti e con il mio agente. Se sono pronto per la Juve o sarebbe meglio restare un altro anno al Genoa? Il mio rappresentante mi darà una mano a prendere la miglior decisione. Io voglio giocare, crescere e migliorare. Qui al Genoa sto bene".

Magari non sarà sicuro al 100% di giocare nella Juventus, ma i sogni e gli obiettivi di Romero sono già chiarissimi, nonostante i suoi 20 anni.

"Da ragazzo volevo diventare un calciatore professionista e ci sono riuscito. Adesso sogno di giocare in Champions League in uno dei 4 club più importanti al mondo: la Juventus, il Real Madrid, il Barcellona o il Manchester United. E poi di far parte della Seleccion argentina, anche se so che è difficile perché lì c’è Otamendi, uno dei migliori al mondo".

Cristian Romero fa capire anche di non essere banale, spiegando la differenza nel marcare in Serie A due giocatori come Ronaldo e Belotti. E la conclusione non è quella che pensate voi...

"Com'è stato sfidare Cristiano Ronaldo? Io ho un carattere tranquillo e quando gioco non penso a chi ho davanti. Lui è uno dei migliori al mondo, Dybala è fortissimo e la Juventus è una grandissima squadra. Io però mi concentro solo sul dare il massimo. L'avversario più difficile da marcare è stato Belotti: si muove molto e fisicamente è forte, mi ha dato molto fastidio".

Chiudi