Calciomercato Juventus, Keita vicino? Tare: "Non è sereno..."

Commenti()
Marotta smentisce le voci che vorrebbero Keita vicino alla Juventus, ma intanto Tare è chiaro: "Ha espresso perplessità se giocare o meno la Coppa".

Keita Balde Diao al centro del calciomercato di agosto. Monaco, Inter, Juventus. O la conferma alla Lazio? Desideroso di giocare per i bianconeri sei volte Campioni d'Italia, l'attaccante senegalese è rimasto fuori dalla lista dei convocati per la Supercoppa Italiana tra i biancocelesti e la stessa Madama.

La Juventus continua a trattarlo, con la Lazio che non vuole però svenderlo, nonostante un contratto in scadenza nel 2018: i bianconeri sono convinti di poter trovare un'intesa, sopratutto dopo la rottura pre-Supercoppa, comunque non la prima tra il giocatore e la società di Lotito.

"Keita non è sereno e ha espresso perplessità se giocare o no la partita, l'allenatore ha valutato quello visto negli ultimi giorni e ha preso una decisione" ha confessato il ds della Lazio, Tare, a 'Rai Sport. "Presto definiremo la sua situazione, oltre a quella di De Vrij".

L'articolo prosegue qui sotto

Insomma, Keita non è vicino alla Lazio, ma ora come ora nemmeno alla Juventus secondo le parole di Marotta, amministratore delegato della società bianconera: "Noi con Keita non c'entriamo nulla. Avevamo incontrato Lotito e fatto un'offerta, ritenuta non adeguata. Ci siamo fermati, forse ci potrà essere una possibilità più avanti, non lo so. Un centrocampista di spessore? Arriverà, sì".

Quelle di Marotta sembrano parole di circostanza, considerando come la Juventus continui ad osservare da vicino Keita: in più i tentennamenti dei giocatori per la Supercoppa Italiana dimostrano la possibilità di vedere l'attaccante senegalese, con un passato nelle giovanili del Barcellona, in maglia bianconera.

Supercoppa galeotta? Di certo uno di fronte all'altro, nello stesso stadio, Tare e Marotta non potranno non scambiare qualche parola su Keita: per la Juventus la parola d'ordine è calma e niente fretta, per la Lazio la priorità è monetizzare. Al massimo.

Chiudi