Calciomercato Juventus: in rialzo le quotazioni di Pellegrini per giugno

Commenti()
Getty Images
Non solo Emre Can nei pensieri bianconeri, nel mirino anche un centrocampista di prospettiva: Pellegrini piace più di Cristante e Barella.

Ore intense in casa Juventus. Lavori in corso per mettere le mani sul nordcoreano Han di proprietà del Cagliari e Pietro Pellegri del Genoa, attaccanti di 19 e 16 anni pronti a prendersi il calcio che conta. Due trattative che viaggiano spedite verso la fumata bianca, ancora da definire in termini di dettagli. Detto questo, pur sfruttando la sessione corrente in chiave talenti, la Vecchia Signora opera anche per quanto concerne la proiezione a breve termine. In entrata, adesso, non accadrà nulla. Ma a giugno, specialmente a centrocampo, i torinesi potrebbero proporre grosse novità.

Il nome grosso resta quello di Emre Can, in scadenza di contratto con il Liverpool, pronto a firmare un quinquennale con la Juventus da 5 milioni netti a stagione più bonus. Poi, successivamente, assalto ad un altro profilo. Verosimilmente, pensando a lungo termine, di prospettiva. I nomi non mancano e, per l'appunto, Madama userà la seconda parte di stagione per sciogliere gli ultimi dubbi.

I profili che piacciono maggiormente sono due: Lorenzo Pellegrini ('96) della Roma e Bryan Cristante ('95) dell'Atalanta in prestito – con diritto di riscatto – dal Benfica. Talenti di alto livello, esaltati dalla bravura dei rispettivi tecnici. Eusebio Di Francesco, prima al Sassuolo e ora in giallorosso, ha creduto fermamente nelle capacità di un autentico predestinato. Discorso analogo per Gian Piero Gasperini, sempre in prima linea in tematiche di questa natura.

Lorenzo Pellegrini Roma Bologna Serie A

L'articolo prosegue qui sotto

La Juventus può vantare già una linea metodista qualitativamente eccelsa. Certo, si può sempre migliorare. Ma non è semplice. Ecco perché, lavorando seriamente e alacremente, i bianconeri pregustano l'arrivo di Emre Can. Uno che magari non sposterà gli equilibri, ma che certamente te li sistema. Parallelamente, spazio ad un altro volto fresco. E, per il momento, quello che convince più degli altri è Pellegrini. Anche in termini di fattibilità dell'operazione.

In essere c'è una clausola rescissoria da 25 milioni che assomiglia tanto ad un assist a porta vuota. Mentre Cristante, pronto a diventare interamente dell'Atalanta, costa attorno ai 30 milioni. I campioni d'Italia non ne fanno una questione di soldi, bensì di abilità. Pellegrini e Cristante dovrebbero giocarsi un posto alla Juventus. Con la Roma, ed è bene precisarlo, che proverà a blindare il suo gioiello mettendo sul piatto un adeguamento contrattuale, magari, con una clausola differente. E L'Atalanta, come da consuetudine, che venderà il suo gioiello a chi offrirà più soldi. Occhio, a tal proposito, alle mosse capitoline. Sponsor: Monchi.

Apprezzato, ma non a tal punto da impostare una trattativa, Nicolò Barella ('97) del Cagliari. La Juventus, infatti, preferirebbe continuare a sviluppare il doppio fronte Pellegrini-Cristante, per poi decidere – definitivamente – su chi puntare. Con l'ex nerorverde, nell'indice di gradimento, in cima alla lista.

Chiudi