Notizie Risultati Live
Calciomercato

Calciomercato Inter, Biraghi al posto di Dalbert: Marotta vuole uno spogliatoio italiano

08:46 CEST 14/08/19
Cristiano Biraghi Poland Italy
L'Inter lavora per riportare in nerazzurro Biraghi, terzino della Fiorentina e prodotto del vivaio. Tra le alternative c'è Kurzawa del PSG.

Internazionale di nome ma sempre più italiana di fatto. L'arrivo di Beppe Marotta e Antonio Conte, infatti, sembra aver cambiato la tradizionale politica nerazzurra sul calciomercato.

Con DAZN segui la Serie A IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Dopo aver già acquistato Stefano Sensi e Nicolò Barella, l'Inter adesso secondo 'Tuttosport' sta cercando di riportare a Milano anche Cristiano Biraghi e per farlo sarebbe disposta a sacrificare Dalbert.

Le ragioni sono sostanzialmente due: Biraghi consentirebbe all'Inter di avere un giocatore in più nella lista Champions in quanto verrebbe inserito tra i prodotti del vivaio, inoltre il suo arrivo permetterebbe ai nerazzurri di 'italianizzare' ulteriormente lo spogliatoio.

Dalbert d'altronde piace molto alla Fiorentina, ma al momento il brasiliano non è convinto di trasferirsi in viola e piuttosto in caso di addio all'Inter preferirebbe tornare in Francia dove aveva fatto molto bene col Nizza.

Attualmente nella rosa dell'Inter sono già presenti ben undici giocatori italiani più Dimarco, che però sembra destinato a partire: Padelli, Berni, Ranocchia, Bastoni, D’Ambrosio, Gagliardini, Barella, Sensi, Candreva, Politano ed Esposito. Per trovare uno spogliatoio così tricolore tra i nerazzurri bisogna tornare alla stagione 2002/03 con Hector Cuper in panchina.

Oltre a Biraghi, comunque, l'Inter valuta anche altri terzini sinistri come Kurzawa del PSG. Il terzino francese attualmente ha il contratto in scadenza nel 2020, è chiuso da Bernat e per 10 milioni potrebbe partire. 

Più difficile invece arrivare a Kostic, sogno neppure troppo nascosto dell'Inter per la fascia mancina ma che l'Eintracht valuta almeno 30 milioni di euro. L'ultimo nome sulla lista è quello di Gosens ma in questo caso c'è da fare i conti con le resistenze dell'Atalanta che in vista del debutto in Champions League difficilmente lo lascerà andare via.