Notizie Risultati
Calciomercato

Calciomercato Fiorentina: contatti per Obiang, piace João Pedro del Cagliari

20:46 CEST 22/05/17
Joao Pedro, Cagliari, Chievo, Serie A, 04152017
La Fiorentina insegue un doppio colpo a centrocampo: primi contatti con Obiang del West Ham, piace molto il brasiliano del Cagliari João Pedro.

Dopo una stagione che la vedrà chiudere il campionato fuori dalle Coppe europee, la Fiorentina inizia a pensare alla prossima e si tuffa sul calciomercato alla ricerca di nuovi innesti di livello.

La priorità, secondo quanto riferisce 'La Nazione', è rappresentata dal centrocampo, reparto per il quale il Direttore generale dell'area tecnica viola, Pantaleo Corvino, insegue un doppio colpo. Il primo nome è quello del mediano spagnolo Pedro Obiang, in forza al West Ham. I toscani avrebbero già avviato i primi contatti con il giocatore, già seguito nelle ultime sessioni di calciomercato.

Obiang inoltre era stato al Franchi lo scorso aprile per seguire la gara di campionato fra i viola e i suoi ex compagni della Sampdoria. Ma c'è un secondo nome che stuzzica molto la società viola: quello del brasiliano del Cagliari João Pedro.

Corvino in tal senso, secondo 'La Nazione', avrebbe preso in seria considerazione il consiglio del figlio di Julinho, ex ala destra della Fiorentina che vinse lo Scudetto nel 1955-56. "João Pedro del Cagliari è un giocatore molto interessante", aveva dichiarato un paio di settimane fa al quotidiano fiorentino.

João Pedro, trequartista o all'occorrenza mezzala offensiva, pur avendo saltato diverse gare in questa stagione con la maglia rossoblù a causa della frattura del perone, è riuscito comunque a mettersi in evidenza con 6 goal e 3 assist in 21 presenze finora collezionate.

Per lui potrebbe profilarsi nel prossimo futuro un percorso come quello fatto in passato da un altro brasiliano, Luis Oliveira, che nel 1996 passò proprio dal club sardo alla Fiorentina. Ma tutto dipenderà ovviamente da cosa deciderà di fare il Cagliari, visto che il calciatore di Ipatinga è legato contrattualmente con i sardi fino al 2020.