Calciomercato Fiorentina, chi è Vitor Hugo? Tutto sull'ex Palmeiras

Commenti()
Cesar Greco/Ag. Palmeiras/Divulgação
Centrale roccioso, più fisico che tecnica, ha guidato la difesa del Palmeiras campione nel 2016. Nonostante l'esordio terrificante di un anno prima.

Prima di Stefano Pioli, confermato nuovo allenatore per la prossima stagione, c'era stato Vitor Hugo. È lui il primo acquisto della Fiorentina per la prossima stagione: già ufficializzato ieri, arriva dal Palmeiras in cambio di 8 milioni di euro. Ma chi è il nuovo rinforzo viola?

26 anni, è un centrale difensivo classico, senza troppi fronzoli, fisico compatto e il sinistro come piede preferito. Uno che fa affidamento più sulla forza e sui duelli personali con gli attaccanti avversari che sulla tecnica di base. Ecco: se pensate a un difensore moderno, raffinato, capace di uscire palla al piede e lanciare a 40 metri di distanza, riponete immediatamente nel cassetto le speranze.

Vitor Hugo Fiorentina PS

Il suo metro e 87 d'altezza permette inoltre a Vitor Hugo di avere spesso la meglio sui palloni aerei, sia nella propria area che in quella avversaria: nei due anni al Palmeiras ha segnato 8 goal in campionato, non pochi per un difensore. Ma il più importante di tutti è probabilmente un altro: quello realizzato contro l' Internacional nei quarti della Copa do Brasil 2015, poi vinta dal Verdão.

Vitor Hugo è esploso tutto sommato tardi: non è un caso che, fino a oggi, non abbia mai varcato i confini del Brasile. Ha iniziato nel piccolo Santo André, ha girovagato senza troppa fortuna tra Sport, Ituano e Ceará, prima di trovare l'ambiente giusto nel Minas Gerais, con la maglia dell'America-MG, indossata dal 2013 al 2015.

Da lì al Palmeiras: un acquisto in sordina, 'nascosto' tra la ventina di colpi messi a segno due anni fa dal direttore sportivo Alexandre Mattos, non a caso famoso in Brasile per la propria caccia ossessivo-compulsiva di giocatori sul mercato. Eppure Vitor Hugo ha dimostrato di meritarsi la chance, prendendosi ben presto il posto da titolare e conquistando il Brasileirão 2016.

 

Un post condiviso da  ACF Fiorentina  (@acffiorentina) in data:

E dire che l'esordio era stato terrificante: alla terza presenza con la maglia verde proprio lui aveva di fatto 'regalato' un derby del campionato paulista ai rivali storici del Corinthians, con un clamoroso retropassaggio sbagliato al portiere raccolto e trasformato in oro da Danilo. Da psicodramma.

Pioggia di insulti nei suoi confronti, l'etichetta di inadatto per questi livelli, tanta perplessità. Ma Vitor Hugo si è rialzato, diventando in due anni lo sceriffo della retroguardia del Palmeiras campione. Nonostante un altro episodio controverso: una gomitata più scorretta che involontaria a Pablo (del Corinthians, ancora una volta) che a marzo gli è costata 'solo' due turni di squalifica.

Nel curriculum di Vitor Hugo compare anche una convocazione nella nazionale brasiliana: lo ha chiamato il ct Tite, proprio colui che in quel famoso derby del 2015 allenava il Corinthians, in occasione di un'amichevole disputata a gennaio contro la Colombia. Così, tra molti alti e qualche basso, Vitor Hugo si presenta alla Fiorentina: una chance da non fallire.

Chiudi