Calciomercato Barcellona, Arthur unica priorità: si chiude

Commenti()
Getty
Il giocatore brasiliano si avvicina al Barcellona: dirigenti blaugrana in Sudamerica per chiudere. Arriverebbe a gennaio 2019.

Chiudere prima che il prezzo salga nel corso del 2018. E' questa l'intenzione del Barcellona, che da tempo ha messo gli occhi su Arthur ed è di fatto la squadra più vicina a portarlo in Europa. 21 anni, centrocampista centrale, eroe del Gremio Campione della Libertadores: il nuovo fenomeno del calcio brasiliano.

Trenta milioni per Arthur: questa la cifra che dovrebbe portare il Gremio, in cerca di liquidi, a vendere la propria stella. Nulla considerati quelli sborsati dal Barcellona per Dembelè prima e Coutinho poi, ma si tratta di un mercato ben diverso, quello europeo.

Arthur come noto aveva posato con una maglia del Barcellona qualche mese fa, generando la rabbia istantanea del Gremio. C'è un non detto però da parte del club brasiliano, che deve difendere i propri interessi ma è ben consapevole come il giocatore voglia il Camp Nou. E di come i catalani siano in primissima fila.

Robert Fernández, dirigente del Barcellona, è di fatto in Brasile da qualche giorno così da chiudere l'acquisto del giocatore class 1996. Arthur arriverebbe però solamente nel gennaio 2019 e non in estate, così da lasciare largo tempo ai blaugrana di sistemare la squadra e ai brasiliani di trovare il sostituto.

In più il Barcellona dovrà anche risolvere la questioni extracomunitari, considerata la presenza in squadra di Coutinho, Mina e Paulinho. Da questo punto di vista dovrebbe aiutare lo status di comunitario che potrebbe ricevere lo stesso Coutinho (portoghese) o Suarez (italiano, grazie alla moglie).

L'articolo prosegue qui sotto

La difficoltà più grande dell'affare Arthur è quella relativa al cartellino, considerando che il Gremio ne possiede il 60%, la famiglia del giocatore il 20% e l'imprenditore Celso Rigo il restante 20%.

La soluzione blaugrana è proprio quella di puntare alle parti minori per poi parlare col club e spendere 25 milioni rispetto ai 30 richiesti. Distanze ampiamente colmabili per chi  ne ha speso 160 lo scorso gennaio.

 

Prossimo articolo:
Lee a DAZN: "Il Verona andrà in A, sogno di tornare al Barcellona"
Prossimo articolo:
10 years challenge: il Borussia Dortmund si fa beffe del Lipsia
Prossimo articolo:
Calendario Serie A, girone di ritorno: le partite di Sky e DAZN
Prossimo articolo:
Calciomercato Udinese, Scuffet al Kasimpasa: ora è ufficiale
Prossimo articolo:
Calciomercato, notizie e trattative: Scuffet al Kasimpasa, è ufficiale
Chiudi