Calciomercato Atalanta, chi è João Schmidt: un regista per Gasperini

Commenti()
Getty Images
Conosciamo meglio João Schmidt, l'ultimo acquisto dell'Atalanta: centrocampista compassato dal sinistro educato, è alla seconda esperienza europea.

Bloccato già a gennaio, ufficializzato oggi dall'Atalanta: João Schmidt è a tutti gli effetti un nuovo calciatore nerazzurro. Arriva a parametro zero dal San Paolo, dove è calcisticamente nato e cresciuto, con in mezzo un prestito in Portogallo. Andiamo a scoprirlo.


ORGANIZZATORE COMPASSATO


24 anni, João Schmidt è un centrocampista centrale che fa della tecnica il proprio principale punto di forza. Il sinistro - il suo piede preferito - lo sa usare eccome. Per organizzare il gioco in mezzo al campo, ma anche per calciare con forza dalla distanza, quando può inserirsi al limite. Per il destro, invece, meglio ripassare.

L'ex San Paolo sembra un brasiliano d'altri tempi: un regista piuttosto compassato con e senza palla, che più che correre ama che a correre sia la sfera. Non è un caso che proprio una certa staticità, una lentezza congenita, sia considerata il suo vero punto debole.

Joao Schmidt PS


TRA BRASILE E PORTOGALLO


Una vita intera (o quasi) spesa al San Paolo: così si può definire l'ancor breve carriera di João Schmidt, che nella Capitale paulista esordisce e si mette in luce, pur senza riuscire mai a conquistarsi un posto da titolare in mezzo al campo.

Visto che la concorrenza è parecchia, nel 2014/15 il San Paolo decide allora di spedirlo in prestito al Vitoria Setubal, in Portogallo, dove Schmidt gioca 29 volte in campionato andando a segno 6 volte: è fin qui la miglior stagione della sua carriera.

Non basterà però per consentirgli di esplodere con la maglia tricolor: tanta discontinuità e uno spazio non assicurato lo rispediscono nei ranghi nei due anni successivi. Ma l'Atalanta decide di puntarci, forte della positiva esperienza maturata con il connazionale Rafael Toloi. Anche lui, guarda caso, ex San Paolo.

L'articolo prosegue qui sotto

Joao Schmidt Vitoria Setubal


IN NAZIONALE


Le nazionali giovanili brasiliane non lo hanno tenuto granché in considerazione, fino a questo momento. L'unica a convocarlo è stata l'Under 23, che nel 2013 ha disputato il prestigioso torneo di Tolone: 5 presenze in Francia e competizione vinta dal Brasile di Rafinha Alcantara e Talisca, trionfatore in finale sulla Colombia.


DOVE GIOCHERÀ


João Schmidt può agire sia come perno centrale del centrocampo che in un reparto a due. Ed è probabilmente in quest'ultima situazione, se Gasperini confermerà il 3-4-1-2 della scorsa stagione, che l'ex sãopaulino dovrà destreggiarsi.

In attesa di altri possibili acquisti, è dunque lui l'erede di Franck Kessié, trasferitosi al Milan qualche settimana fa. Rispetto al muscoloso e potente ivoriano, come detto, le sue caratteristiche sono diverse. A Bergamo potrà affinare concezioni tattiche e una capacità di marcatura fin qui espresse solo a tratti.

Chiudi