Cagliari, Borriello chiama Italia: "C'è il Mondiale, ci voglio provare"

Commenti()
Getty Images
Rinato con la maglia del Cagliari, Marco Borriello ancora non conosce il suo futuro ma ha un obiettivo preciso: "C'è il Mondiale e voglio provarci".

Giocare un Mondiale a 36 anni? Un'impresa difficile per molti, ma un sogno realizzabile per l'attaccante del Cagliari Marco Borriello. Il centravanti napoletano, rinato in questa stagione con la maglia rossoblù, intervistato da 'Sky Sport', non fa mistero di puntare alla conquista di un posto nell'Italia di Giampiero Ventura per il torneo che si disputerà in Russia nell'estate 2018.

"L'anno prossimo c'è il Mondiale - ha dichiarato Borriello - e io ci voglio provare. Ogni calciatore deve sognare la maglia azzurra, non c'è età che tenga, se uno corre, lotta e fa goal deve ambire alla maglia della Nazionale, sarà un anno decisivo, sto benissimo fisicamente, quest'anno ho fatto 36 partite, ci voglio provare e ho grande motivazioni".

Quanto al suo futuro, resta ancora tutto da definire, anche se il bomber non nasconde di trovarsi bene in Sardegna: "Sono entrato nei cuori dei tifosi del Casteddu, come lo chiamano loro, e questo mi rende orgoglioso, - ha sottolineato - sono molto contento che qui mi sia stato ridato quello che mi era stato tolto, la credibilità".

"Questa piazza - ha proseguito Borriello - mi ha ringiovanito, sarò sempre grato al Cagliari. Per il futuro non so quali saranno i programmi della società, ho ancora un anno di contratto, ma attendiamo di capire chi sarà l'allenatore e il nuovo direttore, siamo tutti in balia degli eventi e vedremo cosa succederà durante il mercato".

In questa stagione 16 goal per Borriello: "Quello più bello? Io ho un obiettivo, quello di raggiungere quota 100 goal. - ha rivelato l'attaccante - Manca poco e spero di raggiungerlo al più presto".

Quindi un pensiero personale su Totti, che ha appena annunciato che quella di domenica sarà la sua ultima partita con la maglia della Roma: "Credo che per Francesco sia un momento particolare, - ha sostenuto - gli è stato imposto di smettere e io credo che i grandi calciatori debbano decidere loro quando farlo".

"Conosco Francesco, è un tipo orgoglioso. - ha concluso Borriello - Non so se per lui sarà l’ultima partita quella di domenica con il Genoa, penso che deciderà lui quando smettere".

Chiudi