Brutta Italia, Chiellini ammette: “Fischi giusti, mi sarei dato uno schiaffo”

Commenti()
Getty Images
Giorgio Chiellini analizza il pareggio dell'Italia contro la Macedonia: "Sono deluso, c'è da lavorare. Era una partita da vincere e basta".

L'Italia esce dalla sfida contro la Macedonia con un pareggio che ha il sapore della sconfitta. Brutta prestazione per gli azzurri, che erano passati in vantaggio con Giorgio Chiellini.

Il difensore della Juventus si è mostrato molto deluso al termine dei novanta minuti ai microfoni di 'Rai Sport': "Sono un po’ deluso perché era una gara da vincere, anche solo 1-0. Era importante fare tre punti per lavorare con fiducia. Dobbiamo lavorare, c'è poco da dire".

L'articolo prosegue qui sotto

Italia fischiata dal pubblico al termine del match, Chiellini fa mea culpa: "I fischi ci stanno. Mi sarei dato uno schiaffo anche io. Dobbiamo guadagnarci gli applausi. Peccato perché poi una volta sbloccata dovevamo gestirla meglio. Bisognava stare più attenti. Eravamo stati bravi per 75 minuti".

La sconfitta di Madrid ha tolto fiducia al gruppo di Ventura: "Ha tolto quell’entusiasmo che serve per lavorar bene. Sicuramente c’eravamo fatti anche noi delle illusioni o convinzioni di essere più avanti. E’ stato un brusco arresto ma dobbiamo andare avanti”.

Ai microfoni di 'Sky Sport', il difensore della Juventus fa il punto della situazione: "Preoccupato per i playoff? Dobbiamo andare gradualmente, i salti troppo grossi non hanno mai portato a niente. Ci siamo fermati in Spagna, forse credevamo tutti di essere più in alto… dobbiamo ritrovare spensieratezza e personalità, lasciando da parte il resto. La BBC? Abbiamo preso un tiro in porta, ma dobbiamo migliorare tutti, anche noi".

Chiudi