Brasile, i giocatori recuperano con l'ossigeno dopo il match in Bolivia

Commenti()
Nelson Almeida I Getty Images
I giocatori del Brasile costretti a recuperare con l'ossigeno dopo aver giocato a La Paz, a 3.600 metri di altezza. Neymar posta la foto: "Disumano".

Il Brasile ieri sera ha giocato la sua penultima giornata di qualificazione al Mondiale in Russia. Gare, come l'ultima contro il Cile, di fatto "inutili", visto che i verdeoro hanno già staccato il pass con largo anticipo. Contro la Bolivia è arrivato un pareggio per zero a zero, incosueto per una selezione spettacolare come quella brasiliana.

 

Desumano jogar nessas condições, campo, altitude, bola .. tudo ruim 😂🤣😂🤣 Mas saímos felizes pelo desempenho da equipe mesmo com essas condições!

Un post condiviso da Nj 🇧🇷 👻 neymarjr (@neymarjr) in data:

L'articolo prosegue qui sotto

Ma c'è una spiegazione a tutto. Oltre il fatto che i ragazzi di Tite non avevano l'obbligo di vincere, c'è anche un importante fattore ambientale. Si è giocato infatti allo stadio "Hernando Siles" di La Paz, situato ad un'altezza di ben 3.600 metri. Praticamente impossibile rendere al massimo, se non ci sei abituato come i padroni di casa. 

Lo dimostra una foto postata dopo la partita, sia dall'account Twitter del Brasile, sia da Neymar su Instagram, che ritrae i giocatori impegnati a recuperare dalle fatiche con le bombole d'ossigeno

Lo stesso Neymar ha scritto anche: "Disumano giocare in queste condizioni, dalla latitudine al pallone. Ma siamo contenti della prestazione che la squadra ha saputo fornire, nonostante tutto questo".

Chiudi