Brahim Diaz, la stellina NxGn del City seguita dal Real Madrid

Getty
Il talento spagnolo del Manchester City, monitorato dal Real Madrid, potrebbe presto seguire le orme di Jadon Sancho.

Il Manchester City vanta senza dubbio uno dei migliori attacchi al mondo. Mahrez, Aguero e Sanè sonosolo alcune delle bocche da fuoco di Guardiola, che davanti ha l'imbarazzo della scelta.

Un potenziale crack è Brahim Diaz, talento spagnolo che ha attirato l'attenzione del Real Madrid. Il centrocampista, già nel giro delle Nazionali giovanili iberiche, fin qui si è dovuto accontentare di un paio di apparizioni in Carabao Cup e il suo futuro - visto il contratto in scadenza a fine stagione - potrebbe essere altrove.

Tale scenario striderebbe con le intenzioni manifestate in estate, quando Diaz affermò di volersi imporre con la maglia del City.

"Resterò, è un lusso poter apprendere da compagni così forti - aveva dichiarato - Voglio continuare a crescere e vincere titoli col City".

"So che sono dei Citizens, il resto sono solo voci. Sono concentrato su questo club, punto a giocare il più possibile e ad imparare. Sono ambizioso, voglio giocare il più possibile e restare qui a lungo".

Brahim Diaz

Simile al compagno di squadra David Silva, Diaz è a suo agio con entrambi i piedi e fa valere capacità di passaggio e dribbling agevolato dal baricentro basso.

Il suo stile di gioco sembra ispirato a quello del proprio connazionale, ma dinamismo e accelerazione potrebbero renderlo ancor più devastante di Silva.

Arrivato al City dalle giovanili del Malaga per 200mila sterline, la prova di Diaz in Carabao Cup contro il Fulham ha dimostrato che il ragazzo è pronto anche per palcoscenici come la Premier.

Seppur Guardiola si mostra cauto sul lanciarlo a pieno regime, il City è anche consapevole che vedergli far fare la fine di Sancho (approdato al Borussia Dortmund) sarebbe una grave perdita.

Brahim Diaz Samsung NxGn

"Giocare nei top club non è facile, ma Diaz ha confermato le sue qualità - ha detto Pep - in allenamento è sempre pregevole ed è apprezzato da tutti noi". 

"Nel turno precedente contro l'Oxford ha fatto bene, tutti qui sono pronti a giocare in prima squadra altrimenti non sarebbero tesserati per il Manchester City".

"Lui sa che vogliamo tenerlo, ma dipenderà anche da Brahim e dal suo agente. Faremo di tutto per tenerlo, ma alla fine deciderà lui e non dipenderà più da noi".

Guardiola ha ancora tempo per convincere Diaz che il suo futuro è al City, ma un talento del genere merita senza dubbio più spazio di quello fin qui ottenuto: i club in giro per l'Europa pronti ad offrirgli garanzie di impiego si sprecano.

Chiudi