Bonaventura avvisa il Milan: "Siamo più esperti, dobbiamo fare meglio in Europa"

Commenti()
Getty
Il centrocampista del Milan ha presentato la sfida contro l'Olympiacos: "Questo club è sempre stato protagonista in Europa, noi siamo migliorati".

Dopo tre pareggi consecutivi in campionato e la vittoria arrivata con fatica sul campo del Dudelange, il Milan ha ritrovato goal e convinzioni nella trasferta contro il Sassuolo. L’1-4 del Mapei Stadium ha riportato serenità in casa rossonera. Lo ha confermato anche Giacomo Bonaventura nella conferenza stampa di presentazione di Milan-Olympiakos, secondo impegno europeo stagionale per la squadra di Gattuso.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

“Dopo la partita c’era un’atmosfera positiva” ha affermato il centrocampista, che però ha voluto mantenere i piedi per terra: “Non dobbiamo esaltarci, serve equilibrio sia quando si vince e quando si perde. Ovviamente quel successo ci aiuterà domani. Arrivare al match dopo una vittoria è importante”.

Importante sarà anche fare bene in Europa League dopo l’eliminazione dell’anno scorso agli ottavi di finale contro l’Arsenal: "In Europa il Milan è sempre stato protagonista. Noi dobbiamo fare il massimo per riportarlo ad alti livelli. Dobbiamo fare meglio: abbiamo più esperienza rispetto all'anno scorso”.

Esperienza, in panchina, ne ha accumulata anche Gattuso, alla sua seconda esperienza europea da allenatore. Bonaventura ha speso parole importanti per il proprio tecnico e per ciò che ha portato al Milan: “Da quando è arrivato ha portato grande entusiasmo e ha ricreato uno bello spirito. Siamo migliorati molto e stiamo rendendo tutti meglio, questa forse è la squadra più forte degli ultimi anni. Quando si alza la qualità è normale che cresca anche il rendimento dei singoli”.

Cresciuto anche il rendimento di Bonaventura stesso, già a due goal dopo sette giornate: l’anno scorso il primo lo ha segnato alla quindicesima. “Avendo soltanto una punta il mister ci chiede di riempire l’area con tanti giocatori, conosco bene le caratteristiche dei giocatori a destra e riesco a inserirmi bene dietro la punta”, ha spiegato.

Commento anche sul rinnovo di contratto: “Ho ancora un anno e mezzo di contratto e non ho ancora parlato con la società, penso affronteremo il discorso nel momento opportuno". La testa ora è soltanto all'Olympiakos.

Chiudi