Notizie Risultati Live
Serie A

Boateng e il 'premio Juve': "Se la battiamo, mangiamo gratis per una settimana"

10:53 CEST 11/09/19
Kevin-Prince Boateng - Fiorentina
Kevin-Prince Boateng racconta un retroscena su Fiorentina-Juventus di sabato prossimo: "Se vinciamo, mangiamo gratis per una settimana".

Con il goal all'esordio entrando a gara in corso contro il Napoli, Kevin-Prince Boateng ha subito lasciato il segno a Firenze. Sia nelle statistiche, che negli occhi dei suoi nuovi tifosi, che ora gli chiederanno altri goal per una partita speciale.

Segui live e in esclusiva 3 partite della Serie A TIM a giornata su DAZN

La Fiorentina affronta infatti la corazzata Juventus al Franchi nella terza giornata di Serie A. Ai viola servirà un'impresa, ma Boateng ricorda in un'intervista a 'Repubblica' che le imprese in 90 minuti si possono fare.

Si può fare tutto in 90 minuti. Io ho vinto una coppa contro il Bayern con l’Eintracht. Serve la giornata perfetta per noi e quella meno buona per la Juve, che ha fuoriclasse anche in panchina”

Uno stimolo in più è dato dal 'premio' previsto in caso di vittoria della Fiorentina, rivelato dallo stesso ex Barcellona e Sassuolo: una settimana di mangiate gratis nei ristoranti di Firenze.

“So quanto importante questa partita e, se vinciamo, per una settimana mangiamo tutti gratis. So già in quali ristoranti andare. Mi attende qualche bistecca alla fiorentina gratis“.

Sarà il primo Fiorentina-Juventus per Boateng, ma anche per il suo amico e, da pochi mesi, anche compagno Franck Ribéry. La Fiorentina si è affidata alla loro esperienza, due che si conoscono e che, secondo il ghanese, sono simili.

”Con Ribéry ci capiamo perché siamo simili su tante cose. Ci conosciamo da 10 anni“.

Non sarà invece il primo per Federico Chiesa, visto che contro la Juve nell'agosto del 2016 ci ha debuttato. Boateng parla anche di lui, dicendo di vederlo tranquillo e felice dopo le tante voci di mercato in estate.

È felice, ha capito che rimane qua. E’ giovane, lo capisco: ci sono tante voci su grandi squadre e un po’ puoi risentirne, ma lui deve fare benissimo qui. È fortissimo e vuole giocare l’Europeo. Lo vedo tranquillo. tranquillo e, se non lo è, lo metto a posto io“.