Benfica, il tecnico Lage svela: "Braccialetto elettronico ai calciatori"

Commenti()
AA
L'allenatore del Benfica spiega perché non manda in ritiro la squadra: "C'è un coprifuoco per i giocatori, hanno i braccialetti elettronici".

Il Benfica non sta disputando un cattivo inizio di stagione, anche se dista un punto dalla capolista (e sorpresa) Famalicão. Eppure i tifosi ultimamente hanno fatto esposto le loro polemiche alla squadra. Una cosa, su tutte, non è piaciuta del nuove tecnico Bruno Lage: la squadra non fa il ritiro il giorno prima della partita.

Segui live e in esclusiva 3 partite della Serie A TIM a giornata su DAZN

Come riportato dalla 'Gazzetta dello Sport', il tecnico del Benfica spiega tutto e rivela alcuni particolare 'curiosi' della sua gestione.

"C'è un coprifuoco. I calciatori indossano un braccialetto elettronico per il controllo del sonno, così diamo loro l'opportunità di essere a casa propria con il loro materasso e il loro cuscino. Il giorno successivo ci si vede al mattino e l'unica eccezione è per le partite dopo gli impegni con le nazionali".

Insomma, ognuno va a dormire a casa propria ma in qualche modo resta controllato. Poi Bruno Lage fa capire che "costringere" i giocatori a fare il ritiro non sempre consegna i frutti desiderati.

"Ci sono allenatori che permettono ai giocatori di bere un bicchiere di vino alla vigilia delle partite in ritiro. Poi magari c'è una tazzina, si strizza l'occhio e dentro non c'è caffè, ma arriva il liquore. Così magari bevono due bicchieri di vino e un whisky, però sono in ritiro... La verità è che vinci e perdi in campo, non fuori".

Chiudi