Notizie Risultati Live
Serie A

Atalanta, Gasperini sicuro: "No al VAR chiamato dagli allenatori"

14:48 CET 02/11/19
Gasperini Atalanta Champions League
Gasperini in sede di conferenza stampa ha parlato dell'uso del VAR: "Se io sono a 70 metri, cosa posso vedere meglio dell'arbitro".

L'Atalanta arriva dal pareggio strappato contro il Napoli al San Paolo, con tanto di polemiche sul finale. Nella giornata di domenica affronterà una delle più grandi sorprese del campionato, ovvero il Cagliari. Gasperini ha presentato la partita in conferenza stampa.

Con DAZN segui Atalanta-Cagliari IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

"Dovremo giocare una gara molto buona sul piano tecnico, ma anche atletico e fisico. Abbiamo bisogno di avere la miglior Atalanta possibile. Una vittoria domani ci porterebbe in alto e potrebbe creare un distacco con chi insegue visto che ci saranno degli scontri diretti".

Proprio tornando sulle polemiche contro il Napoli, Gasperini ammette che per lui non bisognerà introdurre nel calcio la chiamata del VAR a favore degli allenatori.

"Non è una soluzione consentire agli allenatori di chiamare il VAR: se io sono a 70 metri, cosa posso vedere meglio dell'arbitro o dell'assistente? Il problema è che a bocce ferme l'interpretazione è completamente diversa dal campo. Così si alimentano continuamente discussioni: i due rigori per la Lazio due sabati fa per me non c'erano e per Inzaghi sì. Capire quando può intervenireil VAR è difficile. Solo sul goal, sui rigori, sugli episodi dentro l'area? E i falli di mano? C'è bisogno di chiarezza, di riepilogare le regole e rivederle".

Ed infine, il tecnico della Dea presenta il Cagliari, avversario ostico anche per una corazzata come l'Atalanta.

"Sarà una sfida di livello tra due squadre che stanno bene. Per noi sarà una partita molto importante. Il Cagliari ha fatto una campagna acquisti importante, è una società che ha molta voglia di crescere, è una squadra che sta facendo molto bene. Il Cagliari ha giocatori come Nainggolan capaci di segnare con tiri da lontano, dovremo stare molto attenti".