Notizie Risultati Live
Serie A

Atalanta, Gasperini e il no alla Roma: "Sono già in una big"

08:47 CEST 31/05/19
2019-04-26-atalanta-gian-piero-gasperini
Gasperini motiva la sua scelta di rimanere all'Atalanta: "Alla Roma avrei guadagnato di più, non potevo lasciare prima della Champions".

Ci sarà ancora Gian Piero Gasperini sulla panchina dell'Atalanta la prossima stagione. Una scelta di cuore, quasi un dovere, nonostante le tante richieste e un accordo praticamente fatto con la Roma.

In un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport', Gasperini ha spiegato i motivi che lo hanno portato a rimanere all'Atalanta dopo il miracolo della qualificazione in Champions.

"Roma è Roma. E credo si potesse fare un buon lavoro. Di sicuro avrei guadagnato di più. Ho preso tempo. A tutti i club che mi hanno contattato, anche dall’estero, ho spiegato che non avrei risposto prima dell’incontro con il presidente Percassi".

Non avevo bisogno di una big. Per società, squadra e tifo, io sono già in una big. Difficile trovare una proprietà appassionata e generosa come quella dei Percassi. Non potevo lasciare l’Atalanta e la sua gente prima della Champions".

A Bergamo si è subito sentito a casa, anche quando le cose non andavano come adesso.

"Al primo anno, dopo 4 sconfitte in 5 partite, un uomo mi fermò sotto casa e mi disse: “Mi piacciono le sue idee. Sono convinto che qui farà bene”. Dubitai che mi prendesse in giro. Salvai la panchina col Crotone, rincontrai quel signore che mi invitò a cena a casa sua. Non conoscevo ancora nessuno a Bergamo. Cucinò un ottimo risotto. Oggi Paolo è un mio buon amico. Di risotto in risotto siamo in Champions... ".

Ad agosto l'eliminazione dall'Europa League sembrava la fine di un percorso. Invece è stata solamente l'inizio.

"Nel momento più critico chiesi ai ragazzi di scrivere alla lavagna quale sarebbe stato il nostro traguardo. Nessuno scrisse Champions. Un paio dei più giovani, ottimisti, scrissero Europa League. I più: togliersi in fretta dai guai. Ilicic: la salvezza. E non fu il solo. I ragazzi sono stati eccezionali e sono andati oltre ogni speranza, nonostante una rosa ridotta".

Gasperini promette che non ci saranno smobilitazioni e sogna un grande girone di Champions.

"Per prima cosa, non parte nessuno. Avviso ai naviganti: non avvicinatevi che tanto l’Atalanta non vende. E poi ci saranno acquisti importanti in attacco. Vogliamo un girone di ferro, dobbiamo portare la nostra gente negli stadi più nobili. Se è una favola, che sia un gran ballo al Bernabeu o davanti alla curva del Liverpool. Il presidente sta facendo di tutto per ospitare la Champions nel nostro nuovo stadio. Sarebbe fantastico".