Notizie Risultati
Serie A

Arriva il Genoa, Di Francesco: "La Roma ritrovi lo spirito di squadra"

14:11 CET 15/12/18
Di Francesco Roma Serie A
Eusebio Di Francesco nella conferenza della vigilia di Roma-Genoa: "De Rossi sarà convocato, da Schick ci aspettiamo di più".

Momento delicato per la Roma che deve assolutamente battere il Genoa nel posticipo della sedicesima giornata di Serie A per rilanciarsi e non perdere ulteriore terreno dal quarto posto.

Con DAZN avrai oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Eusebio Di Francesco, che si gioca una bella fetta di panchina, apre la conferenza della vigilia: "De Rossi ieri ha fatto un terzo allenamento e sarà convocato per la partita. Lui ha desiderio di stare con la squadra ed io ho il desiderio che lui stia con la squadra”.

Il Genoa rappresenta un avversario da non sottovalutare: “Loro hanno avuto un’ottima reazione contro la SPAL, visto che erano sotto di un goal e di un uomo. Hanno due attaccanti che si integrano benissimo e quindi dovremo prestare massima attenzione”.

La Roma è reduce da una serie di risultati negativi, compresa l’ultima ininfluente sconfitta  patita contro il Viktoria Plzen: “Quando analizzi le partite devi metterti davanti alla realtà. Abbiamo valutato i nostri errori e gli atteggiamenti sbagliati, è normale che ci siano stati dei confronti. Ho visto da parte dei ragazzi grande voglia di rivalsa, vogliono dimostrare di non essere quelli che si sono visti nell’ultima partita”.

In questi giorni si è parlato della possibile ritorno ad una difesa a tre: “Dobbiamo andare oltre i discorsi tattici, quello che dobbiamo fare è ritrovare il giusto spirito di squadra. Contro il Viktoria abbiamo perso troppi duelli individuali. Abbiamo comunque lavorato sia sulla difesa a quattro che la difesa a tre, può essere un’opzione e comunque si decide in base alle caratteristiche dei giocatori”.

Quella contro il Genoa può essere una partita che mette in palio più dei tre punti: “Vogliamo vincere una partita importante, ma soprattutto vogliamo un nuovo inizio. E’ una gara che va affrontata nel modo giusto, qui siamo tutti in discussione. Parliamo comunque di un match che va caricato ma non troppo dal punto di vista emotivo”.

Di Francesco ha parlato delle condizioni di Perotti: “Adesso ha ripreso ad allenarsi con maggiore continuità e spero che oggi possa darmi risposte importanti in modo da poterlo utilizzare domani a partita in corso”.

La Roma non sta vivendo un momento esaltate: “A volte vogliamo dare tanto, ma non ci riusciamo. Adesso devo essere io a dare qualcosa ai ragazzi. Sono uno abituato ad affrontare le situazioni e non a scappare. Dai tifosi mi aspetto comunque grande sostegno, ma io sento di dover dare qualcosa”.

Tra i giocatori dai quali ci si aspetta qualcosa in più c’è certamente Schick: “Mi chiedevate sempre di lui quando non giocava e lo fate anche adesso che gioca. A me interessa la Roma prima di tutto. Sappiamo che lui ha determinate caratteristiche e che per questo ci aspettiamo molto di più. Domani non so se giocherà, perchè qui nessuno ha il posto assicurato. Dobbiamo dargli una mano e comunque domani in campo non scenderanno dei nomi, ma una squadra con una maglia prestigiosa sulla quale c’è scritto AS Roma”.

Il tecnico giallorosso non vuole parlare di delusioni: “Non ho il tempo di pensarci, io devo pensare positivo. Io voglio solo far capire dove vengono commessi degli errori, non punto il dito contro nessuno. Non uso giri di parole anche perchè questi ragazzi vanno fatti maturare. Perchè i nostri giovani non sono continui? Dipende da diverse cose, anche dalla nostra cultura, dai settori giovanili, dalla stampa. Un giovane deve commettere errori durante il periodo di maturazione. Se pensiamo all’Ajax, è vero che fa maturare i suoi giovani, poi però quando arrivano da noi non sono completi. In ogni paese si ha un tipo di gioco”.