L'ammissione shock di Jardel: "Facevo uso di droghe, ma solo in estate"

Commenti()
GettyImages
L’ex bomber brasiliano Jardel, ammette di aver fatto uso di droghe: “Le prendevo quando non c’era l’antidoping. Oggi voglio aiutare i giovani”.

E’ stato uno dei bomber più prolifici in assoluto tra la fine degli anni ’90 e gli inizi degli anni 2000, la sua vita oltre ad essere contrassegnata dai goal, tantissimi quelli segnati con Porto, Galatasaray e Sporting Lisbona, è stata accompagnata anche dalla dipendenza per la droga.

Segui Copa America e Coppa d'Africa live e in esclusiva su DAZN

L'articolo prosegue qui sotto

Jardel, ha appeso gli scarpini al chiodo da sette anni dopo una lunghissima carriera che l’ha portato in ogni angolo del mondo (Brasile, Portogallo, Turchia, Italia, Cipro e Bulgaria alcuni dei paesi nei quali ha giocato) ed oggi svela quello che è stato un problema con il quale ha dovuto fare i conti per diverso tempo.

L’ha fatto in un’intervista rilasciata al canale YouTube Pilhado, nel quale ha parlato della sua storia.

“Sono entrato per curiosità nel mondo della droga quando giocavo in Europa. Incontrati alcune persone che me la offrirono. La consumavo regolarmente quando ero in vacanza perché sapevo che durante le competizioni ci sarebbero stati i controlli antidoping. Hai tanti soldi e le trappole sono molte. Amicizie, tentazioni, curiosità intorno”.

Per Jardel oggi quella dipendenza è fortunatamente solo un brutto ricordo e questo grazie anche all’aiuto di sua moglie.

“Mi sono liberato di quelle cose e mia moglie è stata fondamentale in questo. Era al mio fianco anche nelle cose più semplici. Quando andavo alle feste spesso venire anche lei perché in quei contesti è più probabile che certe cose accadano, soprattutto dopo aver bevuto. Ora voglio dare una buona immagine ai miei figli, fare qualche lavoro sociale e tenere lezioni affinché i giovani non commettano i miei stessi errori”.

Jardel, oltre 450 goal in carriera, ha vissuto una breve parentesi anche in Italia nel 2004 quando vestì la maglia dell’Ancona. Reduce da stagioni straordinarie, in Serie A non riuscì ad imporsi, tanto che giocò appena tre partite senza mai andare in rete.

Chiudi