Alla scoperta di Mukiele, la stellina del Montpellier nel mirino del City

Gettyimages
Arrivato al Montpellier nel gennaio 2017, Nordin Mukiele ha attirato l'interesse del Manchester City con le sue prestazioni.

Non ci si aspettava molto dal Montpellier all'inizio della stagione, ma la squadra dello Stade de la Mosson si è improvvisamente messa in corsa per l'Europa quando ci avviciniamo al giro di boa.

Il merito è per gran parte della difesa, che sin qui è la migliore della Ligue 1. Nemmeno PSG, Nizza e Monaco - le tre migliori difese della passata stagione - sono riuscite a fare meglio del Montpellier.

Con soli 8 goal subiti in 14 partite, è tra le difese migliori d'Europa. Del resto il Montpelleir è stata l'unica squadra a tenere la porta inviolata contro il PSG in questa stagione.

E il giovanissimo Nordin Mukiele si sta affermando come un elemento di grande spicco in questa solida retroguardia.

Nordi Mukiele

Il 20enne è stato acquistato dal Laval nel gennaio 2017 per circa 1,5 milioni di euro e ha subito impressionato tutti. Infatti, da qui alla fine della stagione, il Manchester City invierà i suoi scout per monitorare i progressi del giocatore.

Mukiele ha fatto il suo debutto tra i professionisti nel 2015, a soli 17 anni, ed ha già accumulato 60 presenze in campionato, 30 delle quali da quando è arrivato al Montpellier.

Dotato di grande atletismo, Mukiele legge bene il gioco e sa giocare anche da centrocampista, anche se principalmente è un terzino destro. Sebbene sia stato utilizzato anche da centrale difensivo dal suo tecnico Der Zakarian, le sue abilità da esterno hanno influito sul passagio al 5-3-2, che si è rivelato essere la chiave degli ottimi risultati in Ligue 1.

Mukiele non è un giovane che si limita a difendere la propria posizione, ma ha tutte le carattestiche del moderno terzino, abile ad attaccare con grande qualità e a sfruttare il suo piede destro per offrire assist ai compagni.

Il pragmatico Der Zakarian, tuttavia, vuole che i suoi terzini siano principalmente difensivi e Mukiele sta intrerpretando alla perfezione il suo ruolo.

Nordi Mukiele Montpellier PSG Rabiot 23092017

E' stato acquistato dal Montpellier anche in ottica futura per la sua crescita come difensore centrale: "Hilton non può giocare al'infinito", disse il compianto presidente Nicollin riferendosi all'attuale capitano del Montpellier, che ha superato i 40 anni.

Tuttavia, il posto vacante di terzino destro della nazionale può diventare un obiettivo in futuro. "A volte ci penso - ha ammesso Mukiele a 'Madeinfoot.com' - devi avere deli obiettivi, anche difficili, e quindi mi chiedo: perché non io? Anche se ancora sono molto lontano da tutto ciò",

"Ho iniziato nelle giovanili come difensore centrale, poi ho disputato un'intera stagione in Ligue 2 da terzino destro e mi sono adattato a questo ruolo. Non ho preferenze, perché posso giocare in entrambe le posizioni, indipendentemente dal modulo".

La sua duttilità è piuttosto notevole, ma deriva anche dalla mancanza di una verà identità ad inizio carriera. Ha infatti giocato in qualunque zona del campo, eccetto in attacco: "Non sono mai stato un grande attaccante", ha ammesso Mukiele.

Nordi Mukiele Montpellier Saint-Etienne 19022017

I suoi idoli, infatti, sono due difensori: la leggenda del Chelsea John Terry e Sergio Ramos del Real. Se c'è un aspetto del suo gioco che deve essere migliorato, questo è senza dubbio la concentrazione, una caratteristica fondamentale per diventare un difensore di alto livello.

L'articolo prosegue qui sotto

Il tecnico Der Zakarian ha criticato pubblicamente gli errori della squadra in alcuni momenti della stagione: "Anche se quelle critiche non erano indirizzate a me - racconta Mukiele - ho reagito come se lo fossero. Abbiamo tutti dei difetti e tocca a noi cancellarli. Sono stato in panchina per un pò e questo mi ha dato il tempo di crescere e riflettere".

Gli sforzi di Mukiele sono stati ripagati. Fa parte della difesa migliore di Francia e il suo status si sta elevando rapidamente. Ha fatto progressi da gigante da quando è approdato in Ligue 1 e con il suo atteggiamento maturo e la volontà di crescere può davvero aspirare a diventare il terzino destro titolare della Nazionale.

 

Prossimo articolo:
Coppa d'Asia 2019: calendario, risultati e dove vedere le gare in tv e streaming
Prossimo articolo:
Infortunio Khedira, nuovo problema prima di Juventus-Chievo
Prossimo articolo:
Boateng al Barcellona, come cambia il Sassuolo?
Prossimo articolo:
DIRETTA: Juventus-Chievo LIVE! 0-0
Prossimo articolo:
Juventus-Chievo, le formazioni ufficiali: Perin e Douglas Costa dal 1’
Chiudi