Agnelli allo scoperto: "Europa League a 32 squadre, idea terza Coppa"

Commenti()
Getty Images
Andrea Agnelli, al World Football Summit, annuncia: "L'Europa League può passare da 48 a 32 squadre, c'è l'idea di introdurre una terza Coppa".

Il World Football Summit di Madrid, porta in dote importanti spunti. A svelarli è Andrea Agnelli, il quale fa il punto sui lavori in corso che ben presto potrebbero tramutarsi in realtà.

Con DAZN vedi oltre 100 match di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B IN STREAMING, LIVE E ON DEMAND

Il presidente della Juventus, durante il suo intervento, ha spiegato: "Stiamo lavorando all'introduzione di una terza Coppa. E' stata voluta fortemente dai club per poter avere maggiori possibilità di partecipare alle competizioni continentali durante la stagione: ne stiamo parlando con la UEFA".

Ma non solo, perchè come sottolinrato da Agnelli le novità potrebbero interessano anche l'Europa League: "Stiamo considerando l'opportunità di ridurre le partecipanti, portandole da 48 a 32".

L'obiettivo, è quello di limare il gap tra le potenze e i club che fanno maggior fatica: "Vogliamo maggiore equilibrio in questo fantastico sport, perché continui a rimanere il più bello al mondo. Un terzo degli introiti del calcio arriva dalle 12 società più ricche".

L'articolo prosegue qui sotto

Agnelli parla anche di una eventuale Superlega, e non chiude la porta, anzi: "Abbiamo già affrontato l'argomento e continueremo a farlo. L'idea è sul tavolo perché l’esperienza dei diritti Tv venduti comunitariamente ci insegna che insieme si guadagna di più e che perciò è necessario continuare a parlarne".

La Liga ha aperto la strada verso l'esportazione del campionato oltre i confini nazionali: "In Italia lo abbiamo già fatto con la Supercoppa, anche se è più semplice visto che è fuori dal calendario. L'importante è parlare con la UEFA e capire se queste sono soluzioni che resteranno isolate o diventeranno uguali per tutti".

Infine, un occhio di riguardo sarà riservato anche ai calciatori: "Non sono macchine, hanno bisogno di periodi di riposo. Il calendario delle partite del 2024 sarà la prima cosa su cui lavorare".

Chiudi