Addio all'Italia, Buffon ritratta: "Non potrei mai disertare una eventuale chiamata"

Commenti()
Buffon: "Ventura ha fatto il suo dovere. Italia? Mi sono preso una pausa, ma non potrei mai disertare un'eventuale chiamata".

Nel corso del Gran Galà del Calcio organizzato dall'AIC il portiere della Juventus Gigi Buffon, premiato come miglior giocatore in assoluto della Serie A 2016-2017, ha avuto l'occasione di tornare a parlare della clamorosa eliminazione dell'Italia dal mondiale di Russia 2018.

Nessuna attribuzione particolare di responsabilità all'ex Ct. "Ventura ha svolto al meglio il lavoro per il quale era stato chiamato, ma purtroppo non siamo riusciti a segnare nel corso delle due partite contro la Svezia quel goal che ci avrebbe permesso di sperare".

Quella contro la Svezia potrebbe non essere stata la sua ultima partita con la maglia della nazionale azzurra. "Mi sono preso un po' di pausa dalla nazionale, ho una certa età. Sia per la Juventus che per la Nazionale mi sono considerato sempre un soldato, motivo anche se dovessi avere 60 anni non potrei mai disertare un'eventuale chiamata perchè ho dentro di me il concetto di nazione. E' chiaro però che colui che verrà scelto dovrà avere le idee chiare per fare le cose per bene".

Il suo addio potrebbe non essere sancito da un'amichevole. "Mancano ancora delle partite per terminare il biennio il prossimo giugno, vediamo cosa succederà".

Buffon ha voluto festeggiare questo suo ennesimo premio con un post su Twitter: "Ogni anno è unico e irripetibile. Lo è stato anche questo 2017 con le sue vittorie e le sue sconfitte. Nella vita non si smette mai di invecchiare. Io mi auguro di continuare a imparare".

Chiudi