Gilardino, gioia a metà: primo goal cinese, ma il Guangzhou va ko

L'ex attaccante del Bologna ha segnato la rete del momentaneo pari contro il Changchun Yatai, poi vincente per 2-1. Evergrande sempre primo.

In Cina sventola ancora la bandiera italiana. Meno di un mese dopo essere stato ufficializzato dal Guangzhou Evergrande, Alberto Gilardino firma la prima rete dell'avventura asiatica nella gara contro il Changchun Yatai, valevole per la 19ma giornata della Super League. Anche se la squadra va meno bene: ko per 2-1.

L'ex attaccante del Genoa ha firmato la rete del momentaneo pareggio dei suoi poco dopo la mezzora: colpo di testa ravvicinato su un cross dalla destra a battere il portiere di casa, e 1-1 con tanto di prima, incontenibile, esultanza cinese a braccia aperte.

Il Changchun Yatai, undicesimo in campionato ma bestia nera della squadra di Marcello Lippi (la battè anche a marzo, per 3-1, e stavolta a Canton) era passato in vantaggio dopo pochi minuti col brasiliano Eninho. Ed avrebbe poi vanificato la rete di Gilardino grazie a una vecchia conoscenza europea, l'ungherese Huzsti, ex Hannover e Zenit.

Il Guangzhou Evergrande, privo dello squalificato Diamanti, rimane comunque in testa alla Super League. Ma il vantaggio sulla più immediata inseguitrice, ovvero il Beijing Gouan, rischia ben presto di assottigliarsi: il club della capitale ha infatti 4 punti in meno di Gila e compagni, ma anche una gara da recuperare.