Ferguson chiude col brivido la sua era allo United, il WBA rimonta 3 goal ai Red Devils

Il manager scozzese dà l'addio alla panchina dei Red Devils con un rocambolesco 5-5 sul campo del WBA, maturato nel finale con una rimonta incredibile degli avversari.
Sir Alex Ferguson chiude con una partita ricca di emozioni contro il WBA la sua avventura sulla panchina del Manchester United, dopo ben 27 anni, ricchi di successi.

Al 'The Hawthorns', i Red Devils, nell'ultima giornata di Premier League, avanti per 5-2, dilapidano infatti il vantaggio di 3 reti facendosi imporrre il 5-5 dai padroni di casa, che ringraziano un Lukaku scatenato, autore di una tripletta.

Un risultato assolutamente rocambolesco e a dir poco incredibile, se si pensa che la squadra di Ferguson aveva chiuso il primo tempo in vantaggio per 3-1. Al 6' è stato il giapponese Kagawa a bloccare il risultato su assist del Chicharito Hernandez, poi, in rapida sequenza, il raddoppio su autorete di Olsson al 9' e il tris di Buttner con un gran sinistro su assist di Cleverley. Al 40' è Morrison per i padroni di casa a riaprire i giochi.

Ma nella ripresa il WBA si scatena. Lukaku fa il 3-2 al 50', poi però lo United sembra chiudere definitivamente i giochi con le reti di Van Persie al 53' e di Hernandez dieci minuti più tardi. E invece succede l'impensabile.

Con una doppietta dello scatenato belga (in goal ancora all'80' e all'86'), e una rete di Mulumbu, il West Bromwich ottiene un pareggio insperato. Che, inevitabilmente, va un po' a rovinare la festa d'addio del mito Ferguson, in sella sulla panchina dello United dal lontano 1986. Lo scozzese che il prossimo anno passerà dietro la scrivania, come annunciato da lui medesimo e dal club.

Giornata da incorniciare invece per il bomber Lukaku: è il terzo giocatore di sempre ad aver segnato una tripletta allo United, dopo Kuyt e Bentley.