Notizie Livescore

Mazzone e gli allievi modello. Giannini e Moriero, ex compagni nella Roma, duellano per il primato (Corriere dello Sport)

 «Andate in campo e divertite la gente. Come facevate nella nostra Roma». La benedizione calcistica di Carletto Mazzone scende su Gallipoli-Crotone, la sfida tra i suoi allievi Beppe Giannini e Checco Moriero, dal '94 al '96 compagni nella Roma (c'era anche Cervone, oggi preparatore dei portieri al Gallipoli).

«Che sia un pareggio, spettacolare: e a fine campionato tutti e due promossi in B - è l'augurio del tecnico trasteverino -. Le squadre hanno il marchio di Beppe e Checco calciatori. Giannini, che nella Roma inventai nel ruolo alla Pirlo, ha reso concreto ed elegante il Gallipoli. Imprevedibile, per le sue doti tecniche, Moriero ha costruito un Crotone dal gioco frizzante. Ragazzi, in bocca al lupo!».

Il Principe punta al sorpasso: battendo la capolista Crotone, la squadra salentina conquisterebbe il primo posto. «Checco non gestisce il risultato — fa notare Giannini — la sua squadra è fantasiosa, gioca sempre in allegria. Il Gallipoli, invece, soffre i confronti più attesi, proprio per la pressione avvertita dai giocatori. Però quando incrociamo formazioni che giocano a viso aperto, esaltiamo le nostre qualità».

Moriero promette spettacolo e non accetterebbe un pari. «Non sappiamo amministrare il risultato. Noi e il Gallipoli non siamo partiti per ammazzare il torneo, eppure abbiamo impressionato. Giannini, il mio capitano, ha dato al Gallipoli una vocazione offensiva».